Lettere/Una giovane amica ci racconta una storia di ordinario razzismo poliziesco - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

giovedì 20 settembre 2012

Lettere/Una giovane amica ci racconta una storia di ordinario razzismo poliziesco

(foto di repertorio)
Buongiorno Ugo
vorrei raccontarti una storia e se lo riterrai opportuno potrai farne uso per far capire agli italiani in che razza di paese viviamo.
Il mio compagno è di origine srilankese e l'altra sera si è fermato a comprare le sigarette al bar della stazione trastevere tornando dal lavoro.mentre saliva sul motorino una macchina della polizia lo ha fermato chiedendogli i documenti.inutile dire l'arroganza e il disprezzo che gli sono stati riservati.aveva la carta d'identità con se e gliel'ha mostrata,ma non sembravano soddisfatti.essendo a pochi passi da casa gli ha proposto di venire qui per mostrargli gli altri documenti ma lo hanno deriso, gli hanno sottratto il cellulare impedendogli di avvertirmi e lo hanno fatto salire in macchina.dietro a lui altre macchine fermavano altri immigrati di origine nord africana.con le 3 auto li hanno portati a via Genova senza dare nessuna spiegazione né, ripeto, la possibilità di avvertire i propri cari nonostante le ripetute richieste da parte sua.li hanno fatti aspettare per 2 ore in fila in strada, poi li hanno caricati su 2 pullman (a via Genova c'erano circa 50 altri fermati)e li hanno scortati a sirene spiegate fino all'ufficio immigrazione di rebbibia.dopo altre lunghe attese li hanno divisi e rinchiusi in varie stanze, lui era in una di circa 20 mq con circa 40 persone, senza bagno e senza la possibilità di uscire ovviamente.Altre persone hanno orinato negli angoli e sui muri.dopo 2 ore lo hanno chiamato restituendogli il documento,dicendogli che era tutto a posto e poteva tornare a casa.E' rimasto allibito ha chiesto per quale motivo avesse dovuto sopportare quella nottata. ma gli è stato intimato di andarsene e in silenzio altrimenti lo avrebbero trattenuto ancora.finalmente è uscito e mi ha contattato (inutile che ti racconto le 7 ore di panico che ho passato davanti a una finestra...) e raccontatimi i fatti gli ho suggerito di non andarsene senza un verbale.E' rientrato per ben 2 volte chiedendo di averlo senza esito ma in compenso minacciato di percosse e altri trattenimenti. Stremato dalle prove sostenute ha preso l'autobus ed è tornato a recuperare il motorino.mi sono rivolta immediatamente ai carabinieri che hanno messo in dubbio le mie affermazioni e che non hanno ritenuto di intervenire,allora ho scritto una denuncia-querela e l'ho consegnata alla procura della repubblica. Sono certa che non avrà giustizia e credo non sia necessario commentare ulteriormente.
Ti ringrazio dell'attenzione
Lavinia Morsello

16 commenti:

  1. Lavinia morsello e' la figlia di Massimo morsello? Dovrebbe inviare questa denuncia alla stampa, specificano chi era suo padre. Voglio vedere i vari Pasqua e Ferrari come commenterebbero.

    RispondiElimina
  2. i poliziotti hanno fatto bene. troppi immigrati mtra le palle...

    RispondiElimina
  3. al di là di una strumentale retorica, credo che con un buon avvocato, e magari un referto di pronto soccorso/psichiatrico (shock subito etc.), la lìnormativa fornisca tutti gli strumenti per un risarcimento danni.

    RispondiElimina
  4. Non e' razzismo questo ma un modo veloce di eseguire un lavoro noioso

    RispondiElimina
  5. Ma questa tipa è parente del Morsello di Fn ?
    Comunque al cingalese è andata bene che è in Italia, se era in Grecia il controllo delle generalità lo facevano i camerati di Alba Dorata e li si che erano cazzi...

    http://m.youtube.com/#/watch?v=Fvm15H8ouaA&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3DFvm15H8ouaA&gl=ITb

    RispondiElimina
  6. Sono un camerata e trovo l' episodio Ripugnante per l' arroganza degli sbirri che fanno il paio con i commenti sguaiati di qualche idiota ...

    RispondiElimina
  7. Va beh da identitario dico comunque meglio lo srilankese che un inconsapevole antifascista greco attivista amico del popolo di israele e di roma

    RispondiElimina
  8. Che miseria. Qualcuno pensa che la salvaguardia dell'identità debba passare attraverso atti del genere? Atti perpetrati poi da chi di solito non raccoglie molte simpatie...

    RispondiElimina
  9. Che Lavinia sia la figlia maggiore di Massimo Morsello non ha nessuna rilevanza, e lo dico io che sono stata amica di suo padre e di sua madre da molti anni prima che Lavinia nascesse.
    E' vergognoso ed illegale questo tipo di comportamento da parte di chi indossa una divisa e noi, ghettizzati da sempre, dovremmo differenziare le persone per ciò che fanno, per come vivono, non a seconda del colore della pelle o delle origini religiose.
    Vi assicuro che in Italia ci sono molti italiani indegni e molti stranieri la cui presenza nel nostro paese può solo essere, per noi, motivo di grande onore.
    Brava Lavi mia, vai avanti così e sappi che hai ed avrai tutto il mio sostegno ed il mio aiuto se ne avrai bisogno nel proseguo di questa odiosa vicenda!

    RispondiElimina
  10. Brava Lavi,anch'io ero amico del tuo grandissimo padre,e cosa mi tocca leggere.....ma perchè non fai un po' di volontariato per aiutare i nostri anziani italiani che rovistano nell'immondizia per trovare del cibo perchè con la pensione,tra bollette e tasse,non riescono a comprarsi il cibo?anzichè passare 7ore di panico perchè uno srilankese non rincasa in motorino?
    o se proprio ti piace fare denunce ed esposti,falli per quei ragazzi italiani che vengono massacrati dalla polizia nelle manifestazioni o negli stadi,spesso solo perchè passavano di li'.ripeto,massacrati,e non solo perchè la polizia gli ha parlato male o gli ha fatto perdere delle ore.....ridicola!

    RispondiElimina
  11. Ringrazio Lavinia per la sua testimonianza e Le auguro un grosso in bocca al lupo per la sua denuncia!!!
    Constato come certi commenti pieni di razzismo, stupidità, stereotipi e doppiopesismo siano la dimostrazione reale di quanto sia vergognoso un certo neofascismo!!!

    RispondiElimina
  12. Troppi non riescono a realizzare che la porcilaia-occidente, è finita,è in coma profondo e irreversibile, sta esalando l'ultimo respiro.A breve sempre più massicce ondate migratorie,si riverseranno sull'Europa;nulla e nessuno sarà in grado di fermarle. Che fare? Come sosteneva Evola nel "Cavalcare la tigre", non serve opporsi, ma rettificare e mettere ordine nella decadenza.Per esempio incrementare gli emigrati dai paesi dell'est,penalizzare al massimo africani e asiatici. Ben vengano quindi gli europei, come gli slavi,i moldavi, i rumeni, ecc.ecc.Naturalmente poi sarà necessario ripristinare una campagna demografica intensa,come ai tempi del duce, tassare i celibi e le zitelle, mettere fuori legge l'aborto, ripristinare l'indissolubilità del vincolo matrimoniale, premiare le donne prolifiche.

    RispondiElimina
  13. "Troppi non riescono a realizzare che la porcilaia-occidente, è finita,è in coma profondo e irreversibile, sta esalando l'ultimo respiro."
    In effetti, notando l'imbecillità di certi commenti, viene proprio da essere d'accordo.

    RispondiElimina
  14. Lavinia Morsello ex di Giuliano Castellino, e ora con un uomo de Sri Lanka...

    RispondiElimina
  15. Beh di sicuro una scelta migliore.

    RispondiElimina

Banner pubblcitario 700