Scontri di Roma: una decina tra arresti e denunce - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

domenica 25 ottobre 2020

Scontri di Roma: una decina tra arresti e denunce


4 arresti e 4 denunce è la risposta della Procura di Roma agli scontri che stanotte hanno preso il via nella capitale, a piazza del Popolo, alla manifestazione contro il coprifuoco indetta da Forza Nuova che ha riunito 400 giovani tra attivisti, ultras e altri militanti neofascisti. Il bilancio è stato di sette feriti tra le forze dell’ordine prese di mira, cassonetti dati alle fiamme e lanci di lacrimogeni. Gli scontri si sono estesi dal Lungotevere fino a testaccio e sono durati 4 ore. 
A Torino sono in corso indagini della Digos. Un tam tam social esorta a fare come a Napoli. Appuntamento domani sera per chi si oppone al "coprifuoco" e alla "dittatura" con un certo ruolo dell'
elementi dell’estrema destra. Due le manifestazioni in programma, una in piazza Castello alle 20.30 e l’altra in piazza Vittorio Veneto alle 21: "Il tempo delle richieste - si legge - è finito, sappiamo che chi ci governa non ci ascolta, popolo italiano e piemontese ci dobbiamo riunire ed essere uniti contro questa dittatura, contro questo coprifuoco e contro un possibile lockdown". 


L'escalation fa dire al premier Giuseppe Conte che non sarà lasciato spazio "ai professionisti della protesta e dei disordini". Anche il leader M5s Luigi Di Maio condanna la protesta violenta organizzata "dall'estrema destra" a Roma, seguito dalla sindaca Virginia Raggi che promette ’tolleranza zero’.
I pm di piazzale Clodio, coordinati dal procuratore Michele Prestipino, hanno seguito costantemente
l’evolversi degli scontri e ora attendono le informative dalla forze dell’ordine anche per verificare eventuali collegamenti con i disordini napoletani, che al momento non emergono, a eccezione delle dichiarazioni della leadership di Forza Nuova.
 Oltre alla decina tra arrestati e denunciati, ci sono anche altre dieci persone identificate sempre nella
capitale. Danneggiamento e violenza privata i profili penali che potrebbero essere valutati dagli inquirenti.  Il rischio è  che la contestazione violenta dilaghi. A Parma ieri, un gruppo di minorenni in piazza della Pilotta ha reagito con lanci di bottiglie al richiamo di una pattuglia di carabinieri a mettersi la mascherina. I militari hanno dovuto chiamare i rinforzi, in cinque sono stati portati in caserma.
Per manifestazione non autorizzata verranno denunciati una trentina di ultras del Cagliari che oggi hanno acceso fumogeni fuori dallo stadio Sardegna Arena prima dell’incontro con il Crotone. La Digos e gli specialisti della scientifica li hanno identificati, fanno parte degli Sconvolts.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700