L'ultima vendetta dei Nar: il capitano Straullu - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

giovedì 22 ottobre 2020

L'ultima vendetta dei Nar: il capitano Straullu

 straulluL'omicidio

I tre [Alibrandi, Cavallini e Sordi, ndb] lasciano di corsa Milano [dove hanno ucciso due poliziotti in un conflitto a fuoco casuale]  tornano in treno a Roma, perché è pronta un’altra azione, ancora contro la polizia: ormai tra i Nar e l’antiterrorismo è guerra aperta. Ancora la Mambro:
Era diventata quasi una guerra personale tra noi e la Digos di Roma. Dal carcere arrivavano da mesi notizie inquietanti sui metodi di interrogatorio del capitano Straullu, che era il responsabile romano dell’antiterrorismo per la destra. Ripeto, ci arrivavano informazioni brutte e sgradevoli nei suoi confronti. Abbiamo visto che anche Di Vittorio ha raccontato di essere stato interrogato e pestato a Treviso da agenti della Digos romana, guidati da Straullu. E Magnetta ha fatto il nome dell’ufficiale della Digos come responsabile della squadra che sparò al valico del Gaggiolo, ferendo Carminati.

LEGGI TUTTO

Il volantino

La rivendicazione finirà per rappresentare il messaggio nella bottiglia di una pattuglia di sopravvissuti che si avvia sorridente al sacrificio finale. Manca ogni riferimento a De Luca: per i giudici troppi sanno che ha “tirato una sola” ad Alibrandi e sarebbe come firmare il delitto. Ma chi lo conosce bene sostiene che “Alì” non era tipo da mischiare politica e storie personali. Anche le parole servono a regolare i conti: Mangiameli è definito un demenziale profittatore, compare di quel Roberto Fiore e di quel Gabriele Adinolfi, esponenti di spicco della vigliaccheria nazionale. Pure Ciavardini è accusato di delazione. La decisione di accomunare un leader come “Ciccio” a due “infami” come Perucci e Pizzari e a due poliziotti scatena la furia di Nistri che fornisce senza settarismi case e documenti per tutti ma condanna senza mezzi termini l’esecuzione del leaderdi Tp e la campagna d’odio contro Fiore e Adinolfi, riconosciuti, sia pure contraddittoriamente, ancora come suoi leader. FONTE: Guerrieri/UMT 

LEGGI TUTTO

La testimonianza di Mimmo Magnetta

21 ottobre 1981. Un commando armato formato Alessandro Alibrandi, Francesca Mambro, Gilberto Cavallini, Giorgio Vale, Stefano Soderini, Walter Sordi uccide il capitano di P.S. Francesco Straullu e la guardia scelta Ciriaco Di Roma. Mimmo Magnetta ricorda l’incontro con il capitano Straullu che ha coordinato il suo arresto al valico del Gaggiolo.

Il mio percorso carcerario, dopo l’arresto, è riassumibile nelle seguenti tappe. I primi due giorni li trascorsi a Varese in camera di sicurezza, poi ne trascorsi cinque a Roma, sempre in camera di sicurezza. Al mio arrivo a Roma c’era ad accogliermi il capitano di P.S. Francesco Straullu. So che in cambio della collaborazione Straullu aveva offerto ad altri la cifra di trecento milioni di lire e una nuova identità. Con me e con Dimitri non accennò mai a eventuali prospettive di collaborazione. Appena scesi dalla macchina che mi aveva portato dalla questura di Varese a Roma, lui volle vedermi. Io ero scortato da due poliziotti. Mi venne incontro con modi affabili chiedendomi se gli concedevo l’onore di stringergli la mano. Era un uomo giovane, non molto alto. Vestiva in borghese, indossava una maglietta polo, un golf arrotolato in vita e jeans. Dalle tasche spuntava arrotolata una copia de “Il Manifesto”. Io gli chiesi chi fosse. Lui si presentò come il capitano Straullu, colui che aveva coordinato l’operazione che aveva portato al mio arresto. Io gli risposi con un “complimenti”. Poi insistette nel volermi stringere la mano e gli chiesi il motivo.
- Tu e il tuo amico Peppe Dimitri siete gli unici della banda dei Nar che sapete perché fate certe cose. Agli altri vostri camerati bisogna dare uno schiaffo per parlare e due per farli stare zitti.
Gli diedi la mano. Era un po’ come ricevere l’onore delle armi. Lui si accorse dei segni che portavo in volto, frutto del trattamento ricevuto a Varese una volta tratto in arresto. Lo stesso procuratore di Varese, giorni prima, alla presenza dei sette operatori di polizia che mi avevano menato, mi aveva invitato a parlare e a fare i nomi degli agenti che mi avevano pestato.
- In questa stanza l’unico a non dover avere paura sono io... - risposi al procuratore.
Gli agenti erano in piedi, messi a semicerchio intorno a me. Sentivo il loro fiato sul collo. Li avevo guardati uno per uno e poi, rivolgendomi al Procuratore, avevo dichiarato, come si usava, che ero caduto dalle scale. Era evidente che non poteva essere andata così, ma, come era regola mia e degli avanguardisti, non avevo parlato. Firmata la dichiarazione venni portato fuori dalla stanza. Qui uno dei poliziotti mi disse:
- Mimmo, ti dobbiamo delle scuse. Ci devi scusare…
Io li mandai affanculo, gli dissi di riportarmi in cella e che delle loro scuse me ne fregavo.
Straullu con me fu gentile. In quei cinque giorni che rimasi in cella di sicurezza a Roma in questura, dato che fin dal primo momento dell’arresto non avevo toccato cibo, mi fece arrivare parecchie cose extra da mangiare: maritozzi con la panna, spremute d’arancia e altro. Io continuai però a non toccare cibo.
Tratto da: Domenico “Mimmo” Magnetta, Ippolito Edmondo Ferrario, Una vita in Avanguardia Nazionale, Ritter Edizioni



Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700