14 settembre 2013: muore Michele Di Fiò - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 14 settembre 2020

14 settembre 2013: muore Michele Di Fiò


Sette anni fa, il 14 settembre 2013, moriva Michele Logiurato per un problema cardiaco. L’imprenditore pesarese, titolare della Titan Gold, ideatore del marchio Compro Oro, fondatore del movimento politico Italia Pulita (Qui comanda il popolo), era un volto conosciuto in tv come “Mago” dei numeri del lotto. Aveva solo 57 anni. Pesarese, di origini lucane, era noto ai nostro lettori come uno dei primi esponenti della musica alternativa di destra con il nome di Michele Di Fiò. La sua storia ce l'aveva raccontata Alessandro Alberti in un puntata del suo lungo reportage sulla musica non conforme.


Tra gli autori di destra che diedero vita e sostanza al fenomeno della Musica Alternativa si può annoverare il marchigiano Michele Logiurato, in arte Di Fiò dal nome della sua fidanzata Fiorenza. Professionalmente aveva iniziato la sua attività intorno al 1973, suonando nei piano-bar e nei locali. Fu uno dei primi cantautori alternativi solisti di destra. Caratterizzato da un timbro di voce molto particolare, facilmente riconoscibile dagli ascoltatori, dotato di un estro e tecnica eccelsi nel suonare la chitarra, esordì con una musicassetta dal titolo Seveso e no nel 1977.
Il riscontro in termini di gradimento da parte del pubblico inizialmente non fu tra i più eclatanti, ma Di Fiò proseguì il suo lavoro di creazione musicale e dei testi senza perdersi d’animo. I risultati come vedremo andranno poi ben oltre la parziale delusione iniziale. Egli infatti si distinse oltre che per l’ottima preparazione musicale anche per la stesura di testi che aprirono più di una volta dibattiti all’interno del mondo missino e del Fronte della Gioventù. Già nel 1978 si ripresentò al pubblico con un nuovo album decisamente più gradito dal titolo Ad un passo dal cielo c’è
Le tematiche politiche, storiche e sociali (questione della donna, temi ambientali, esistenziali, decadenza del sistema), prodotte, ebbero finalmente la giusta gratificazione. Rileggere i testi di Michele Di Fiò, da una grande sensazione di un’occasione perduta, in termini di diffusione del suo estro ma anche della Musica Alternativa tutta, che solo grazie alle Radio Alternative e ai concerti, oltre che alla vendita delle musicassette nei circoli culturali, nelle sedi politiche del MSI e del Fronte fu in parte, ma non completamente diffusa. Il percorso del cantautore marchigiano proseguirà con la stampa del disco Cervello nel 1979 dopodiché il disco dal titolo tutto evoliano: Cavalcare la tigre nel 1981, seguito dal 45 giri Rock/Italia.
Di Fiò tentò anche di intraprendere la strada professionale, viste le sue doti innate di scrittore di musica e testi. Si iscrisse alla SIAE e successivamente partecipò ad un concorso per cantautori per una casa discografica molto importante, specie in quegli anni: la RCA. Non poté vincere quella sfida, che sicuramente avrebbe cambiato la sua vita, perché si rifiutò in modo tassativo di modificare i testi delle sue canzoni togliendo alcune strofe considerate troppo di destra. Anche altri autori orbitanti nell’ambito della Musica Alternativa avrebbero potuto senza i veti di regime di allora fare una brillante carriera. Ciò non fu possibile perché i filtri politici in ogni ambito della società civile e quindi anche dell’arte, bloccavano qualsiasi tipo di tentativo in merito. 
Di Fiò fu tra i primi a capire l’importanza delle Radio Alternative, partecipando anche al primo convegno organizzato dal MSI relativo al Terzo Polo radiotelevisivo, che si tenne a Roma nel 1979. Ai buoni propositi non seguirono i fatti. Fu allora che il cantautore tentò l’esperimento del Circuito Radio, ovvero la collaborazione fattiva tra Radio Alternative e Radio commerciali orbitanti a destra. Cercò di fare da solo anche fondando una casa discografica ed editrice, La Mosca bianca, che ebbe per alcuni anni un certo successo nell’ambiente dei giovani missini. Scopo principale era la diffusione della Musica Alternativa ma anche un notiziario unico al giorno per tutte le emittenti.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700