Firenze, CasaPound Italia ricorda il filosofo Giovanni Gentile nel settantaseiesimo anniversario della sua uccisione - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

mercoledì 15 aprile 2020

Firenze, CasaPound Italia ricorda il filosofo Giovanni Gentile nel settantaseiesimo anniversario della sua uccisione

Il 15 aprile del 1944, a Firenze, veniva assassinato da un commando di partigiani gappisti, il filosofo Giovanni Gentile, con Benedetto Croce il principale esponente del neoidealismo filosofico, importante protagonista della cultura italiana nella prima metà del XX secolo, artefice della riforma della pubblica costruzione nota come Riforma Gentile.
Fu figura di primissimo piano del fascismo ed aderì nel novembre del 1943 alla Repubblica Sociale. Adesione che pagò, con la vita il 15 aprile del 1944. 
A ricordare la figura del filosofo Giovanni Gentile nel luogo del suo assassinio è stata CasaPound Italia che ha affisso un cartello riportante la scritta A Giovanni Gentile 15-04-1944 15-04-2020 accompagnato da una bandiera tricolore, come ci ricorda questo comunicato, diffuso alla stampa, che riportiamo per intero.


Questo pomeriggio CasaPound ha ricordato a Firenze Giovanni Gentile, nel giorno della sua morte, nel luogo del suo assassinio.
Un tricolore e un cartello con il suo nome sono stati apposti fuori da villa Montalto. Un gesto per rendere omaggio al filosofo, pedagogista, politico ed accademico italiano. Autore della più importante riforma dell'istruzione della nostra storia.
Gentile morì il 15 aprile del 1944, assassinato vigliaccamente da alcuni criminali partigiani dei "G.a.p.". Lo avvicinarono tenendo in mano dei libri, fingendosi studenti. Gentile, com'era solito fare coi giovani, li fece avvicinare per dargli udienza e a quel punto uno di loro aprì il fuoco uccidendolo.
L'Italia venne così privata di una delle sue menti più eccelse.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700