Lecco, consigliere di sinistra ritrova nel greto di un torrente targa in memoria dei soldati della Repubblica Sociale - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 16 dicembre 2019

Lecco, consigliere di sinistra ritrova nel greto di un torrente targa in memoria dei soldati della Repubblica Sociale


E’ stata ritrovata nel greto di un torrente, dopo otto mesi, la targa in memoria della fucilazione di soldati della Repubblica Sociale, avvenuta a Lecco nei giorni dopo il 25 aprile 1945. La targa era stata affissa a piu' riprese sul muro fuori dallo stadio di Lecco, in più versioni negli ultimi decenni e più volte vandalizzata o fatta sparire.

A ritrovare la targa è stato un esponente di sinistra, l’ex sindacalista e consigliere comunale della civica di Sinistra, Alberto Anghileri. Ieri il consigliere si è ritrovato a passare per la località Bonacina di Lecco e dal ponte sul Caldone ha scorto la targa tra i sassi nel torrente. 

"Non potevo certo lasciarla li' ha detto l’ex sindacalista qualcuno si vede che se n’era liberato buttandola nel torrente o lo acque l’hanno poi trascinata a valle". Oggi l’esponente di sinistra consegnerà la targa in Comune. "Farla sparire è stato un fatto grave, al di la' di ogni interpretazione politica ,aveva detto il sindaco di Lecco, Virginio Brivio, a sua volta di sinistra, la ripristineremo perché si tratta di un fatto storico che non va dimenticato nella storia della nostra città".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700