Contestazione alla Segre, Forza Nuova precisa: non ce la prendiamo con donne e anziani - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

giovedì 7 novembre 2019

Contestazione alla Segre, Forza Nuova precisa: non ce la prendiamo con donne e anziani


Sala ordina, l’antifa agisce. Il popolo subisce”. Questo è il testo di uno  striscione firmato Forza Nuova affisso davanti al Municipio 6 di Milano. Un testo semplice, chiaro, di facile comprensione clamorosamente equivocato dalla stampa mainstream che ha parlato di una contestazione alla senatrice Liliana Segre solo perché lo striscione era stato affisso a poche centinaia di metri dal teatro di via Fezzan dove la senatrice ha tenuto un incontro con gli studenti.
A smentire la contestazione alla senatrice Liliana Segre è l'ufficio stampa di Forza Nuova Milano con una nota, che riportiamo per intero,

"Nostra contestazione a Liliana Segre? Non è mai stata nostra consuetudine prendercela con le donne, soprattutto se anziane, e non era certo rivolto a lei lo striscione che abbiamo affisso davanti al Municipio 6." Lo comunica la segreteria di Forza Nuova Milano.
"È piuttosto il PD, e più in generale la sinistra, ad avere l’abitudine di sfruttare donne, anziani e bambini per fare politica, così come ha fatto nel Municipio 6, invitando la gentile signora Segre per deviare l’attenzione dalle proprie malefatte politiche."
"Il nostro striscione" – spiega Forza Nuova - "aveva e ha esclusivamente lo scopo di richiamare l’attenzione sui recenti fatti di cronaca, relativi al racket delle occupazioni organizzato proprio nel territorio del Municipio da parte di esponenti dei centri sociali. Gli stessi centri sociali coccolati e tutelati dal Sindaco e dalla sua giunta. Ribadiamo quindi il concetto espresso sullo striscione esposto ieri mattina davanti al Municipio 6"  - conclude Forza Nuova - "Sala ordina, l'antifa agisce, il popolo subisce".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700