Luigi Rispoli(Fdi): la sovranità nazionale va difesa sia dalle ingerenze Ue che dalle spinte autonomiste interne - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

giovedì 17 ottobre 2019

Luigi Rispoli(Fdi): la sovranità nazionale va difesa sia dalle ingerenze Ue che dalle spinte autonomiste interne

Luigi Rispoli, storico esponente della destra partenopea, nel Movimento Sociale Italiano prima, in Alleanza Nazionale poi, ora componente della direzione nazionale di Fratelli d'Italia invia una lettera al direttore del Corriere del Mezzogiorno, panino del Corriere della Sera, sugli stati generali del centro destra e sulla necessità ed urgenza di una visione, di ampio respiro, da qui ai prossimi anni, necessaria per lo sviluppo del rilancio della nostra regione.
Da esponente dei conservatori e sovranisti di Fratelli d'Italia, nel corso della sua lettera, che pubblichiamo per intero, Luigi Rispoli ricorda a sé stesso prima ed agli altri, come la sovranità nazionale ( quel che resta della sovranità nazionale) va difesa sia dalle ingerenze dell'Unione Europea sia dalle spinte interne di natura autonomista, bocciando di fatto, sia l'autonomia differenziata proposte dalle regioni del Nord che l'idea forza della macroregione del Sud.



Egregio Direttore, le scrivo in relazione all’intervento pubblicato dal suo giornale a firma di Alessandro Sansoni dal titolo “Al centrodestra serve una vision” perché mi sembra che lo stesso fornisca diversi spunti interessanti per una riflessione politica a cui il centrodestra, alla vigilia delle elezioni regionali, certamente non dovrà sottrarsi. Non vi è dubbio, che come dice lo stesso Sansoni, è necessario che una coalizione che ha l’ambizione di governare una regione complessa come la Campania debba avere una visione strategica ed avere la capacità di mettere in campo una strategia concreta per garantire una seria prospettiva di sviluppo negli anni a venire. Per questo motivo, Fratelli d’Italia, ha da qualche tempo creato un gruppo di lavoro, coordinato dal prof. Sergio Vetrella, a cui è stato assegnato il compito di mettere in campo una proposta politica che sia capace di suscitare entusiasmo tra la nostra gente e che, allo stesso tempo, possa consentirci di occupare un significativo spazio politico per accrescere i nostri consensi. In questo senso riteniamo che l’occasione degli Stati Generali del centrodestra, che per quello che ci riguarda deve essere un luogo di confronto giammai una inutile passarella, rappresenta l’appuntamento per condividere con gli alleati della coalizione tesi e proposte per passare dalla Campania delle occasioni perse alla Campania delle opportunità. Resto perplesso però, quando Sansoni afferma che bisogna partire dalla proposta di istituzione della macroregione principalmente perché, al di là degli slogan, la considero dannosa per gli stessi interessi del Sud e della Campania nella misura in cui si scende sullo stesso terreno dei promotori della “autonomia differenziata” senza però avere alle spalle la solidità del sistema economico che Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in questi anni hanno costruito anche con il contributo del sud. C’è poi anche un aspetto, se vogliamo ideologico, che a chi è di Destra non sfuggirà. Questo processo, alimentato anche da proposte come quella della macroregione, ci porterebbe ad avere in Italia, facendoci tornare indietro di secoli, una miriade di staterelli, ciascuno esercitante potestà legislativa, ciascuno capace di attuare nell’ambito del proprio territorio riforme differenti da quelle adottate nella stessa materia della vicina o lontana regione. Un partito come Fratelli d’Italia, i cui iscritti si chiamano tra di loro Patrioti, non può accettare il disegno separatista previsto nel pre-accordo del governo Gentiloni con le regioni richiedenti, firmato, tra l’altro, quando la scorsa legislatura si avviava a conclusione ed in un periodo nel quale normalmente i governi si dedicano al solo disbrigo degli affari correnti né altre ipotesi che vanno in questa direzione. Un uomo di Destra, insomma, non può accettare che si costruisca un paese sulle diseguaglianze tra territori, che anche oggi esistono, ma che soprattutto per norma non ci sia la possibilità di azzerarle così come vorrebbero Zaia, Fontana e Bonaccin, relegano il Sud ad una mera colonia. Del resto la sovranità nazionale non si difende solo dalle ingerenze della UE, ma anche dalle spinte interne che puntano ad aumentare le differenze profonde che caratterizzano il territorio nazionale ancora oggi nonostante che lo stesso sia unificato da oltre 150 anni; mondi diversi con un dinamiche incredibili che fanno si che anche quando il paese, nel suo complesso ha fasi di crescita, la differenza ed il gap tra sud e nord rimane invariato. Bisogna tener presente che in questi anni, nonostante i tanti proclami, il gap economico, infrastrutturale e sociale ha reso il nord ed il sud più distanti. Basti pensare che la gravità della spaccatura tra le differenti aree del Paese ha reso l’Italia una mera espressione geografica così come emerge chiaramente dall’ultimo Rapporto sul benessere equo e sostenibile (Bes), elaborato e presentato dall’Istat. Tutto ciò non è dovuto al fatto che al sud ci sono amministratori incapaci o ladri come certa propaganda vuol far credere, del resto personale politico con queste caratteristiche è ovunque anche al nord come numerosi episodi di cronaca hanno mostrato, né è possibile immaginare che tutto si risolverebbe per incanto con l’autonomia differenziata perché in questo modo gli amministratori sarebbero maggiormente responsabilizzati. Per tornare al tema sollevato da Sansoni, quindi, una coalizione che punta al governo della Regione deve cercare di dare le giuste risposte a quelli che sono gli enormi problemi che De Luca lascerà a chi governerà dopo di lui. Dobbiamo, quindi, parlare di riorganizzare la sanità, di dotarci di una politica industriale, di una maggiore tutela dell’ambiente, di accelerazione della spesa dei fondi europei, di trasporto pubblico, di rendere efficace il mercato del lavoro, dobbiamo garantire una spesa sociale che vada incontro alle esigenze delle famiglie, in particolare quelle che hanno disabili al loro interno. Per costruire la nostra proposta politica, infine, dobbiamo partire dal rafforzamento del sistema degli enti locali, province e comuni, che sono le istituzioni che per prime devono garantire servizi di qualità ai cittadini, in una parola basta con il protagonismo dannoso alla De Luca.


Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700