Parisella ma quale fine della diaspora della destra. Fratelli d'Italia cresce solo grazie ai soliti cambiacasacca - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

sabato 3 agosto 2019

Parisella ma quale fine della diaspora della destra. Fratelli d'Italia cresce solo grazie ai soliti cambiacasacca

Nei giorni scorsi il collega Antonio Rapisarda, dalle colonne del quotidiano nazionale Libero diretto da Vittorio Feltri, in  un interessante articolo rilanciato anche da questo blog, annunciava la fine della diaspora della destra riunita ora sotto le insegne di Fratelli d'Italia grazie alla indiscussa leadership di Giorgia Meloni.
Tesi che viene confutata, in questo post, da Ferdinando Parisella, antico e valido collaboratore di questo blog storico militante del Fronte della Gioventù a Littoria, animatore del Circolo Adriano Romualdi prima e del Circolo Satrica di Latina, già vice segretario provinciale del Movimento Sociale Italiana, già componente dell'assemblea nazionale di Alleanza Nazionale con questo post, pubblicato sulla sua pagina Facebook che riportiamo per intero.


Gli ideologi del “cambiacasacchismo “.
Confondono l’arrivo di eletti di Forza Botulino, con la fine della diaspora di Alleanza Nazionale. Fate pace con voi stessi. Ma davvero pensate che le fusioni dall’alto siano vincenti? Eppure si veniva da un comune sentire, dove il consenso si conquistava dal basso, dall’elettore, dal popolo. Non dall’eletto da un’altra parte. Magari, per voi, in primavera andrete al Governo, ma sempre dei cambia casacca siete. L’affidabilità è altra cosa.
W l’Italia. Altro che fratelli. Adieu.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700