San Nicola La Strada(Ce): è andato oltre Nicola Visone, missino intransigente - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

mercoledì 17 luglio 2019

San Nicola La Strada(Ce): è andato oltre Nicola Visone, missino intransigente

Nicola Visone, storico esponente del Movimento Sociale Italiano di San Nicola La Strada, comune di poco più di 20 mila abitanti della provincia di Caserta, è andato oltre.
Il nostro Antonio Mazzella, storico corrispondente del blog, ci ha inviato un pezzo che ricorda la figura di questo storico esponente missino, con una infinita passione per la Politica, quella nobile con la P maiuscola, al servizio esclusivo dei propri cittadini.


Lo conoscevo da poco meno di mezzo secolo, quarantacinque anni, forse, ed ho saputo che domenica non si era sentito bene, il camerata Nicola Visone. Dritto come un fuso, nonostante i suoi ottant'anni, aveva chiesto di essere portato in ospedale. Qualche acciacco c'era, ma nulla che lasciasse intendere che la situazione si sarebbe complicata fino ad un punto di non ritorno. 
E Nicola se ne è andato, quasi in punta di piedi, senza dare fastidio, senza clamore.
Dopo una vita spesa con il gusto delle cose semplici, circondato dagli affetti familiari, con la passione per la Politica, quella, appunto, scritta con la maiuscola, vissuta stando al servizio della propria Gente, disponibile sempre...
Neanche quando l'età era andata avanti, negli anni, ha mai rinunciato a girare per le strade ed i luoghi d'incontro del suo paese, o della nostra Città, spesso animando discussioni coinvolgenti, anche creando capannelli di cui sapeva diventare il fulcro centrale.
A Domenico Vagliviello, storico esponente della Destra di San Nicola La Strada, chiedo di dirci qualcosa, su questo militante storico, e lui racconta come, nell'ultimo incontro che avevano avuto pochi giorni prima che fosse ricoverato, Nicola Visone avesse di nuovo caldeggiato l'apertura di una sezione, a San Nicola, dove ritrovarsi tutti insieme. Una "sezione", a prescindere.
E aggiunge..."...sempre determinato, Nicola, ma anche particolarmente estroso... tanto che lo chiamavamo, il Principe...e qui la mente vola indietro nel tempo e mi torna, come sempre, alla mente, la prima volta della lista MSI a San Nicola nel settembre 1982. Allora era Federale il Duca Tixon, e lui, insieme a Corrado D'Ajello, accompagnarono Franco Pontone nel mio studio, che stava a fianco all'abitazione di Nicola..
Bisognava discutere e valutare la formazione della lista del M.S.I e allora io volli portarli, come dissi loro «dal Principe Visone»... fu detto, e fatto... ci ritrovammo, in men che non si dica, davanti a lui, che, serafico e sorridente, ci ricevette, ospiti inattesi, e forse un po' invadenti, certamente invasivi, in mezzo al suo cortile, con i piedi a mollo in una bacinella. Non si scompose, e non si mosse neanche. Ci fece portare acqua e caffè, restando a discutere delle imminenti amministrative, senza minimamente accennare a terminare quel «bagnomaria» rilassante, per i suoi arti inferiori, dopo una giornata di lavoro intenso. Furono tempi per certi versi difficili ed ostici, ma anche entusiasmanti, quelli. Quasi lo vedo ancora, con la scala sulle spalle, per andare ad attaccare, mettendoli in posizioni strategiche, i pochi manifesti che la Federazione ci mandava. Del trio Nicola Visone Tonino Motta ed io, sono l'unico superstite".
Nicola Visone, dopo Fiuggi, seguì Pino Rauti, e localmente Michele Falcone, in Fiamma Tricolore, per un periodo che si interruppe con una parentesi in Alleanza Nazionale, quando Domenico Vagliviello ne divenne il referente locale, ma non accettò mai l'annacquamento delle Idee che aveva dentro da sempre.
Io ne ricordo la semplicità, che lo induceva ad essere sempre disponibile ed umile, sia che stesse in tuta da lavoro, (era un valente artigiano, un idraulico), sia che vestisse, anche con una certa ricercatezza, in giacca, (magari con una pregevole cravatta). Per me resteranno proverbiali, tanto la sua arguzia, la prontezza di spirito, la capacità di tirar fuori una battuta salace inattesa, quanto anche la vena polemica, e quel suo ringalluzzirsi, quando vedeva messa in discussione l'etica alla quale giustamente attribuiva valore di fondamento necessario, irrinunciabile e non negoziabile, della Politica.
I funerali si sono tenuti sabato 13 luglio, nella Chiesa S. Maria degli Angeli, in San Nicola La Strada, e lî le Sue Spoglie mortali, riposano, nel locale cimitero.
Idealmente, e spiritualmente, però,
NICOLA VISONE è qui con me, mentre scrivo, con Voi, mentre leggete, con Noi, Tutti. PRESENTE.


di Antonio Mazzella

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700