Sequestrati beni per 1 milione di euro a Luca Lucci capo ultrà del Milan - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

mercoledì 26 giugno 2019

Sequestrati beni per 1 milione di euro a Luca Lucci capo ultrà del Milan

Il bar "Clan 1899", un'abitazione in provincia di Bergamo e un'Audi A5: sono questi i beni sequestrati a Luca Lucci, capo ultras del Milan e di fatto gestore dello stesso locale di Sesto san Giovanni. Il valore totale dei beni sequestrati si aggira intorno al milione di euro, giustificati dalla "pericolosità sociale" dello stesso Lucci. In Lombardia è la prima volta che viene applicata una misura di prevenzione patrimoniale a un esponente del tifo organizzato. Il capo ultras era salito agli onori della cronaca per una fotografia scattata con Matteo Salvini durante la festa per i 50 anni della Curva Sud
Va considerato che Lucci non è la prima volta che finisce sotto la lente d'ingrandimento delle autorità, visto che già in due occasioni era stato condannato per lesioni: un derby del 2009 in cui fece perdere un occhio a un tifoso nerazzurro con un pugno e un altro episodio simile lo scorso settembre a margine di Milan-Sassuolo. A ciò si aggiunge il patteggiamento di 1 anno e 6 mesi di luglio 2018 per traffico di droga proprio all'interno del locale "Clan 1899". Ufficialmente elettricista, si sarebbe guadagnato da vivere in altri modi, secondo le indagini.


Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700