Lecce, guerriglia ultrà sulla statale: due pescaresi in gravi condizioni - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 1 aprile 2019

Lecce, guerriglia ultrà sulla statale: due pescaresi in gravi condizioni


Sono gravi le condizioni di 2 tifosi del Pescara ricoverati all'Ospedale Vito Fazzi di Lecce in codice rossa nella sera di domenica 31 marzo.
I due tifosi sono rimasti a terra dopo gli scontri con gli ultrà del Lecce avvenuti poco prima della partita Lecce Pescara posticipo domenicale del campionato di Serie B, lungo la statale  613 Brindisi Lecce allo svincolo di Squinzano.
La statale è stata successivamente chiusa per circa un'ora scatenando il panico tra gli automobilisti ignari di quanto stava accadendo.
Uno dei feriti sarebbe stato colpito, secondo una prima ricostruzione dei fatti, da una pietra ed ha riportato un trauma cranico, il secondo sarebbe stato investito da un'auto durante i tafferugli.
Gli altri feriti, tutti in maniera lieve, sono stati medicati al pronto soccorso.
Secondo una prima ricostruzione dei fatti, ancora da verificare, un fumogeno sarebbe stato lanciato dai tifosi salentini contro i pullman con a bordo i tifosi del Pescara. Uno dei mezzi avrebbe preso fuoco e tutti sono stati costretti a scendere. Da lì si sarebbero sviluppati gli scontri.
Alla partita di andata, a Pescara, il 5 novembre scorso, il convoglio dei tifosi giallorossi, sulla via del ritorno, era stato bloccato all'altezza di Francavilla a Mare nei pressi dell'uscita della circumvallazione  un gruppo di ultrà pescaresi lanciò torce incendiarie. Quella di domenica sera, secondo gli uomini della questura di Lecce, sarebbe stata la risposta.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700