Bologna,Fratelli d'Italia in piazza Verdi l'8 marzo.Per la rete antirazzista è una provocazione - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

martedì 5 marzo 2019

Bologna,Fratelli d'Italia in piazza Verdi l'8 marzo.Per la rete antirazzista è una provocazione

Un presidio per la legalità in piazza Verdi, a Bologna, con il vice presidente del Senato Ignazio La Russa venerdì 8 marzo, cosi annuncia un volantino diffuso sul web da Fratelli d'Italia, che si ritroveranno in piazza,nel giorno dello sciopero femminista global, in piena zona universitaria.
Il giorno seguente, presso il Royal Hotel Carlton, inoltre è previsto un convegno al quale dovrebbe partecipare anche Giorgia Meloni, leader indiscussa di Fdi.
Davvero troppo per l'assemblea antirazzista universitaria che, in una nota, diffusa alla stampa, definisce il presidio di Fratelli d'Italia come una gravissima provocazione, nella giornata dello sciopero femminista, in zona università.
Riteniamo, continua la nota, inaccettabile la presenza di questi individui, tra cui anche l'ex Msi Ignazio La Russa, che propagandano odio e oppressione, nei luoghi che attraversiamo e viviamo ogni giorno riempiendoli di valori quali antirazzismo, antisessismo, solidarietà. Rifiutiamo che questi luoghi possano diventare passerella per qualche politico e oggetto di una retorica sporca e infame per la quale chi è diverso è pericoloso, gli ultimi e i diseredati sono degrado e l'unica soluzione è una sicurezza fatta di sbirri, telecamere e deserto! Questa è un'infame ed evidente provocazione all'8 marzo e alla grande giornata di lotta femminista, sciopero e liberazione dall'oppressione patriarcale lanciata da Non Una di Meno. Riteniamo inaccettabile questa provocazione e diamo appuntamento alle 13h in Piazza Verdi per ribadire Fuori i fasci da Piazza Verdi.

1 commento:

  1. Stavolta soon con gli antirazzisti molto meglio Loro che quella rabberciata cricca oscena insulsa Vergognosa Banda di finti fascisti come LA Meloni e I suoi fratelli d'italia massoni ,per non parlare del sionista LA Russa che ancora e' a piede libero,vedere ancora in circolazione gente come LA Russa mi fa provare vergogna di essere italiano

    RispondiElimina

Banner pubblcitario 700