Liverpool-Roma, sarà estradato l'ultrà romanista - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 25 gennaio 2019

Liverpool-Roma, sarà estradato l'ultrà romanista

Risultati immagini per liverpool roma scontri

Via libera dalla Cassazione al mandato d’arresto europeo - processuale - richiesto il 4 ottobre
dalla Gran Bretagna nei confronti dell’ultrà romanista Simone Mastrelli con l’accusa di lesioni aggravate e adunata sediziosa prima della partita Liverpool-Roma giocata nella cittadina inglese lo scorso 24 aprile. Negli scontri rimase gravemente ferito Sean Cox, tifoso del Liverpool. Gli ermellini hanno dichiarato inammissibile il ricorso di Mastrelli contro
l’estradizione. Due ultrà romanisti sono già stati condannati. 
Mastrelli sarà riconsegnato all’Italia al termine del processo che lo attende in Gran Bretagna, dove sono già stati processati e condannati gli ultras romanisti Daniele Sciuso (due anni e mezzo) e Filippo Lombardi (tre anni) riconosciuti responsabili solo dei tafferugli nell’ambito dei quali Sean Cox è stato colpito. Per gli ’ermellini’, la Corte di Appello di Roma "correttamente" ha dato il disco verde all’estradizione in base agli "elementi indiziari valorizzati dall’Autorità giudiziaria britannica a carico del Mastrelli". 
Si tratta delle videoriprese dell’aggressione effettuate dalle telecamere presenti in loco, nonché dalle dichiarazioni rese da un ufficiale di polizia giudiziaria che, nonostante il volto travisato, identificava il Mastrelli come autore materiale delle lesioni mediante pugni alla persona offesa, tenendo anche conto del successivo scambio degli indumenti e delle scarpe effettuato dal Mastrelli dopo il delitto e degli accertamenti relativi ai suoi spostamenti". Per Mastrelli, la situazione processuale si profila aggravata dopo il verdetto della Cassazione. 
Su ricorso del Procuratore generale della Corte di Appello di Roma, infatti, è stata configurata a carico dell’ultrà romanista anche l’accusa di adunanza sediziosa - non accolta invece dalla Corte di Appello - nella quale il Pg ha identificato il reato che gli inglesi qualificano come "violazione della normativa a tutela della correttezza delle manifestazioni sportive" e per la quale non era stata riconosciuta la "doppia incriminabilità " data l’assenza di una tale previsione nel nostro ordinamento

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700