Foibe: Idea, al processo per Anpi Rovigo si rifletta su aggravanti legge Mancino - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

mercoledì 30 gennaio 2019

Foibe: Idea, al processo per Anpi Rovigo si rifletta su aggravanti legge Mancino

"Siamo stati l’unica forza politica a votare contro la legge 167/2017 che ha introdotto una
aggravante speciale alla legge Mancino che punisce con la reclusione da due a sei anni chi nega o minimizza in tutto o in parte non soltanto la Shoah ma anche i crimini di genocidio,
quelli contro l’umanità e i crimini di guerra, facendoci carico delle indignate proteste di tutto il mondo della ricerca storica". Lo dichiarano in una nota Gaetano Quagliariello, Luigi Compagna e Carlo Giovanardi, esponenti di ’Idea - Popolo e libertà.
"Siamo stati facili profeti, proseguono gli esponenti di Idea, nel prevedere che questa norma, fortemente voluta dal Presidente Grasso, dal Pd e dal Movimento 5 Stelle, si sarebbe trasformata in un boomerang, e a suo tempo abbiamo citato come esempio l’eventuale negazione o minimizzazione della tragedia delle foibe. 
E’ inevitabile,pertanto, anche sulla base delle denunce preannunciate contro l’Anpi di Rovigo, che in un post su Facebook ha definito le foibe una invenzione dei fascisti, che si apra un processo nei
confronti di chi ha diffuso quest’ignobile affermazione". 
"Ma,fedeli alla nostra posizione, precisano i 3 esponenti di Idea, riteniamo che debba essere
sollevata la questione di legittimità di questa aggravante presso la Corte Costituzionale perchè  rimane nostra ferma convinzione che le menzogne vadano smascherate non con la repressione penale ma con il confronto severo e approfondito con storici e ricercatori". 
Idea esprime solidarietà alle associazioni degli esuli per questa grave offesa proprio alla vigilia della celebrazione della giornata del ricordo"

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700