Azione Frontale: le foibe ai partigiani? I carnefici parlano delle loro vititme - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 25 gennaio 2019

Azione Frontale: le foibe ai partigiani? I carnefici parlano delle loro vititme

In diversi istituti scolastici di Roma e sotto la sede nazionale dell'associazione partigiani d'Italia sono comparsi i seguenti manifesti "Scuole chiuse agli infami" con tanto di simbolo dell'Anpi sbarrato.
I manifesti portano la firma di Azione Frontale, un gruppo della destra radicale particolarmente attivo nella città eterna che non ha "digerito" la scelta del sindaco Virginia Raggi di inviare nelle scuole, a parlare delle foibe, militanti dell'associazione nazionale d'Italia, come dimostra questa breve nota, diffusa alla stampa, che riportiamo per intero.



Dietro la maschera da liberatori e pacifisti si cela il vero volto dell’ ANPI Roma quello di assassini e vigliacchi.
Ancora non bastano 70 anni di menzogne, coadiuvati da una sindaca che non fa altro che alimentare odio. Questi personaggi sarebbero dovuti andare a spiegare le Foibe in alcuni Istituti scolastici Romani (per fortuna l’iniziativa è stata bocciata).
È intollerabile solo pensare ad una cosa del genere, i carnefici che parlano delle loro vittime.
Oltre le migliaia di euro che lo stato versa all’anpi tramite i vari fondi, ogni giorno dobbiamo sentire i loro racconti basati su falsi storici comprovati.
Questa notte abbiamo voluto manifestare tutto il nostro dissenso verso questi personaggi che ancora oggi invece di tacere davanti a certi avvenimenti, vedi le Foibe, avrebbero avuto addirittura la faccia tosta di presentarsi davanti ai più giovani, nelle scuole, a raccontare la loro versione storica a cui neanche loro credono!
Il nostro paese ha bisogno di giustizia libertà e soprattutto di verità!
Siamo stanchi di essere in ostaggio culturale da questi personaggi!

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700