Matera, Fratelli d'Italia in rivolta contro Fitto - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 21 dicembre 2018

Matera, Fratelli d'Italia in rivolta contro Fitto

C'è maretta nei Fratelli d'Italia di Matera, regione Basilicata ma provincia di Bari, per la fusione a freddo con Raffaele Fitto, viceré di Puglia. A minacciare la scissione un pezzo importante del partito della Meloni. Guida la fronda, infatti, Pasquale Di Lorenzo, coordinatore provinciale del partito.
Si spiega cosi la presenza ieri a Matera del segretario e consigliere regionale Gianni Rosa.
A rendere più complicata la partita, arrivano le tensioni e le manovre preelettorali.
Nei prossimi mesi si vota infatti in Basilicata. La giunta Pitella è giunta al suo termine, già a novembre ma con un colpo di mano la vice presidente Franconi che sostituisce il sospeso Pitella ha fissato la data delle elezioni al 26 maggio. L'unica regione che ha deciso di applicare l'election day.
I Cinque Stelle hanno presentato reclamo, alla Lega tutto sommato non dispiace perché confidano nel traino politico delle Europee. Ad aumentare la fibrillazione nei fratelli d'Italia materani la confluenza recente del movimento civico Matera si muove.
Prende cosi piede la voce che, come in altri complicati ingorghi elettorali il vertice del partito mandi da Roma commissari temporanei. Per quel che risulta, al momento, il candidato governatore del centro destra dovrebbe essere un civico di Forza Italia ma i giochi ancora no sono chiusi e c'è chi vorrebbe che la Meloni scambiasse l'Abruzzo con la Basilicata, dove per la prima volta, dopo 25 anni di dittatura del centro sinistra, c'è la concreta possibilità di vincere. 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700