22 novembre 1973: il Viminale scioglie il Movimento Politico Ordine Nuovo - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

giovedì 22 novembre 2018

22 novembre 1973: il Viminale scioglie il Movimento Politico Ordine Nuovo

 ordine nuovo
Il MOVIMENTO POLITICO ORDINE NUOVO sceglie di fondarsi il giorno del solstizio di inverno.  Intende così riaffermare la propria intransigente ispirazione evoliana. Si darà una più complessa organizzazione, in occasione del primo congresso nazionale, tenuto a Lucca nell’ottobre 1970. Un rapporto di polizia dà il via all’inchiesta giudiziaria per “ricostituzione del partito fascista”. il documento attribuisce al MPON una quarantina di episodi di violenza. La cifra è irrisoria per quegli anni feroci, ma la polizia enfatizza le potenzialità eversive del movimento (...)

Il processo si conclude con 30 condanne a pene variabili da 5 anni e 3 mesi a 6 mesi. Il Viminale scioglie il gruppo per decreto. I tentativi di ridare vita a un’aggregazione tradizionalista saranno repressi sistematicamente con due successivi maxiprocessi. Il primo con 119 imputati per ricostruzione del partito fascista. Il secondo con circa 150, molti accusati di crimini “comuni”, variamente connessi con le attività dei militanti impegnati nella rifondazione. In realtà, nonostante i forti enunciati, il MPON non era per nulla attrezzato a sostenere il passaggio alla clandestinità e, di fatto, nei successivi tentativi di rigenerazione avrà un ruolo marginale o nullo il gruppo dirigente storico.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700