No alla pistola al peperoncino, gadget di Libero: ma le Jene non conoscono Cita - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

lunedì 22 ottobre 2018

No alla pistola al peperoncino, gadget di Libero: ma le Jene non conoscono Cita

 "Cosi Feltri vuole armare i suoi lettori: Libero e la pistola urticante a 43,50 euro in edicola. Giovedì scorso, 11 ottobre, Giuseppe Parente, dalle colonne virtuali di questo blog ha avvisato l'opinione pubblica di questa grande iniziativa editoriale del quotidiano Libero: la pistola al peperoncino come strumento di difesa. Una notizia che ha fatto il giro della rete, grazie alle migliaia di letture, suscitando l'indignazione e lo sgomento del consigliere regionale della Campania Francesco Borrelli, esponente di primo piano dei Verdi, del conduttore radiofonico Gianni Simioli e di don Tonino Palmese, coordinatore regionale di Libera e presidente della Fondazione Polis che si occupa di politiche integrate di sicurezza per le vittime innocenti della criminalità e di beni confiscati. 

Nella giornata di giovedì 18 ottobre ad intervistare Giuseppe Parente, nella sua edicola, a Mergellina, sono andate le telecamere delle Jene. In quest'occasione Giuseppe Parente ha ribadito la propria contrarietà, da edicolante, alla vendita di una pistola al peperoncino come allegato al quotidiano Libero, da giornalista ha ricordato come il cavalcare la tigre della voglia di autodifesa dei cittadini da parte di Libero sia veramente osceno.

Intervista che sarebbe dovuta andare in onda nel corso della puntata di domenica 21 ottobre de Le Jene ma che per, motivi a noi non conosciuti, non è stata trasmessa. Perché dare la parola al prete e al politico (e anche allo scrittore Erri De Luca) e non almeno citare chi per primo  ha segnalato l'orrore?
Il Corriere del Mezzogiorno, panino napoletano del Corriere della Sera, nel pomeriggio di venerdì 19 ottobre, con un interessante articolo, a firma del collega Luca Marconi, da ampio risalto all'iniziativa degli edicolanti partenopei che si rifiutano di vendere la pistola al peperoncino in distribuzione come allegato al quotidiano Libero.
Giuseppe Parente viene citato in qualità di titolare di una edicola nel quartiere di Mergellina, zona Torretta e non anche come giornalista pubblicista, con 10 anni di onorata carriera, anche su giornali nazionali come Rinascita e Terra, ideatore di questa campagna contro la vendita delle armi (pistola al peperoncino) in edicola da questo blog.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700