Header Ads

Ancora scritte contro Berizzi. La Fnsi chiede la scorta

"Dux. Berizzi infame, la pagherai. Sieg heil". Queste scritte con lo spray, corredate dalla svastica e dalla croce celtica, sono apparse questa mattina nell’androne e nel portone di Paolo Berizzi, giornalista e autore del libro ’Nazitalia’. 
Berizzi su twitter scrive: "Mani vigliacche mi hanno dato il buongiorno cosi’. Scritte su portone e androne di casa (l’anno scorso mi avevano fatto l’auto). Appena intervenute Digos e Scientifica. Se pensate di intimidirmi e fermarmi vi sbagliate. Siete solo codardi che si muovono di notte come topi di fogna".
Il sindacato dei giornalisti solidarizza con il collega e chiede la scorta: "Per l’ennesima volta gruppi neofascisti hanno minacciato Paolo Berizzi, giornalista di Repubblica finito da tempo nel mirino per aver ’osato’ tracciare la mappa delle loro attività e dei loro proclami contro la Costituzione e la legalità repubblicana". Lo dice la Fnsi in un comunicato congiunto con l’Associazione lombarda dei giornalisti (ALG), riferendo che questa mattina Berizzi ha trovato scritte minacciose e offensive dentro il portone della casa dove abita con la sua famiglia. Nei mesi scorsi erano apparsi striscioni e volantini contenenti minacce. 
Viene ricordato anche che la presentazione del suo libro "NazItalia" e’ stata piu’ volte interrotta dagli squadristi. "Dal momento che i nomi dei mandanti sono noti da tempo - dicono Fnsi e ALG - è ora giunto il momento di identificarli e fermarli, prima che osino andare oltre. Berizzi e la sua famiglia hanno diritto a una vigilanza accurata e adeguata al livello delle reiterate provocazioni. La Federazione nazionale della Stampa italiana e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti saranno accanto a Berizzi in tutte le iniziative che intenderà promuovere e in qualsiasi sede, tribunali compresi".

1 commento:

  1. Amanuense del Ghetto senza vergogna ,LA grana che gli passa LA Sinagoga di Satana fa comodo eccome!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.