lunedì 10 settembre 2018

La lettera di Maurizio Boccacci ad Ilaria Cucchi: la morte di un fratello non è un copione per un film

Maurizio Boccacci, storico leader degli skinhead, fondatore del disciolto Movimento Politico Occidentale, oggi leader di Militia ci invia una lettera fortemente polemica con Ilaria Cucchi, sorella di  Stefano  a pochi giorni dal debutto del film di Alessio Cremonini intitolato  Sulla mia pelle Gli ultimi 7 giorni di Stefano Cucchi previsto per mercoledì 12 settembre su Netflix e nelle sale cinematografiche.
Lettera che pubblichiamo per intero.

Dedicata ad Ilaria Cucchi

Massimo rispetto per tuo fratello Stefano massacrato e torturato dai cani del regime ,una morte che noi tutti portiamo nel nostro cuore con sacro rispetto e amore per quella giovane vita stroncata con infamia inaudita! 
Non entro nel merito del fatti giudiziari ,anche perché non credo in questa giustizia , ma solo una cosa volevo dirti: non pensi di essere andata oltre a livello morale sulla morte del tuo povero fratello ??? Sono stato solidale in ogni tua battaglia affinché la verità venisse fuori, ho seguito ogni tua battaglia e ti ho sempre ammirato per come ti sei battuta,sei stata esempio per molti e hai dato voce a quelle persone che hanno subito pestaggi ,sofferenze e oltraggi da parte di chi dovrebbe rappresentare la " giustizia "ma che in realtà sono solo dei boia del sistema ,ma quando vedo che tutto ciò viene ridotto a mera speculazione con film compreso beh potrò anche sbagliare ma con questo muore la dignità e la morale che all'inizio ti ha contraddistinto !!!!
 Vedi anche noi abbiamo avuto i nostri morti ,uccisi in giovanissima età ,fratelli massacrati e torturati senza che nessuno spendesse una parola in loro favore ,io stesso sono stato ,ammanettato,massacrato in quel di Regina Coeli ,eppure con estrema dignità mai una parola ma sempre a testa alta !!!!
 Ti prego ,finiscila con questa brutta ,ormai ,speculazione sulla tragica morte di tuo fratello ,usa il silenzio ,ritrova la dignità con la quale ti sei battuta all'inizio e rendi così giustizia vera al tuo amato fratello !!!!! Ormai tutta Italia sa come sono andati i fatti e tutti sono con te ma ti prego fermati ,non dal portare avanti questa battaglia per rendere giustizia a tuo fratello ma nel cadere come dicevo prima in una mera e brutta speculazione mediatica !!!
La morte di tuo fratello non è un copione da film ,non è una sceneggiatura di un film ma purtroppo una brutta e terribile realtà !!!! Lotta in silenzio ,con dignità e rendi onore a Stefano già simbolo dei tanti ridotti al silenzio a cui cercano di togliere anche la dignità !!!! Sempre dalla parte di chi non puo' difendersi e sempre contro i cani di questo sistema ,magistratura in primis !!!

0 commenti:

Posta un commento