sabato 15 settembre 2018

CasaPound Italia inaugura la nuova sede a Civitavecchia. Gli antifascisti si mobilitano

Casapound Italia ufficializza l’inaugurazione della nuova sede di Civitavecchia, come anticipato da Fascinazione.info il 9 agosto scorso. L’evento, che in altri casi sarebbe passato inosservato, rischia di diventare un terreno di scontro. Il 28 settembre alle ore 19, in via Trieste n. 36 (centro storico), si inaugura infatti “Molo Littorio”, la sede delle tartarughe frecciate civitavecchiesi, contro la quale si scagliano gli ex Sel di Enrico Luciani, riuniti nell'associazione politica “Onda Popolare” e "Potere al Popolo" che fanno sapere «di essere pronti di tornare in piazza» visto che «un manipolo di fascisti hanno avuto la sfacciataggine di aprire una sorta di birreria nostalgica nella nostra Terza Strada e questo ci impone di non rimanere indifferenti».

Gli antifascisti preannunciano una mega mobilitazione contro l’apertura (comunque legittima) della sede del movimento politico che fa capo a Gianluca Iannone, in nome - dicono - della democrazia, della lotta alle prevaricazioni e forse anche in nome della libertà d'opinione: «L’Associazione Onda Popolare - si legge sul loro sito internet - chiama ed esorta Civitavecchia Antifascista, i sindacati dei lavoratori, i partiti e le associazioni democratiche e progressiste, e tutti coloro che si riconoscono nei principi della nostra Costituzione, ad una mobilitazione per difendere i valori della Nostra Città, fondata sulla democrazia e la lotta ad ogni forma di sopruso e prevaricazione».

La tensione nell'aria è palpabile e l’evento è sicuramente una ghiotta occasione per riaccendere le luci della ribalta sulla galassia della sinistra radicale e antagonista che sta trovando sempre meno spazi e meno interlocutori nell’attuale contesto politico; anche in città come Civitavecchia dove la sinistra e il comunismo vantano una storica presenza politica. «CasaPound è un movimento neofascista e xenofobo - attaccano gli esponenti di Onda Popolare - invitiamo dunque le istituzioni competenti a compiere ogni azione utile ad impedire un simile scempio ed al contempo preannunciamo che il prossimo 28 settembre saremo lì a manifestare la nostra assoluta contrarietà, il dissenso, lo sdegno verso ogni forma di fascismo». Ad Onda Popolare gli fanno eco quelli di Potere al Popolo che, con una dichiarazione simile ma meno velata, annunciano la loro presenza fuori la sede di Casapound: «Il 28 settembre saremo in strada con la Civitavecchia antifascista per ribadire ancora una volta che da queste parti fascisti e razzisti non avranno mai vita facile».

Le intenzioni degli antifascisti sono chiare e non occorre essere dei fini analisti politici per capire che “l’altra parte” di Civitavecchia, quella rossa, mal digerisce la presenza sempre più evidente di quelli che fino a ieri venivano etichettati come “destra radicale” e che oggi si chiamano “Sovranisti”.  

All'inaugurazione interverranno fra gli altri Simone Di Stefano, segretario nazionale di CasaPound Italia e Mauro Antonini, responsabile regionale Lazio del movimento politico. 

0 commenti:

Posta un commento