Saluto romano in campo a Marzabotto. Non è apologia di fascismo - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

martedì 21 agosto 2018

Saluto romano in campo a Marzabotto. Non è apologia di fascismo

Non c'è reato nel comportamento del calciatore dilettante Eugenio Maria Luppi, che esultò con un saluto romano e mostrando una maglietta della Repubblica Sociale nel campo di Marzabotto, paese dell'eccidio nazifascista. Per la Procura di Bologna, che ha chiesto l'archiviazione poi disposta dal Gip, "nessun pericolo all'ordinamento democratico può essersi riscontrato". Luppi era indagato per apologia di fascismo.

Nella richiesta del pm si dice che quello di Luppi, difeso dall'avvocato Alessandro Veronesi, è stato "un gesto isolato, di un giovane che non pare nemmeno avere avuto piena contezza del grave significato della simbologia esposta e che, lungi dal voler diffondere o rafforzare l'ideologia del disciolto partito fascista a danno dei valori democratici e costituzionali, si è poi scusato cercando, invece, l'incontro" con Franco Leoni Leutizi, "sopravvissuto alla strage di Marzabotto, che gli ha offerto la sua testimonianza a spiegazione della gravità del gesto mostrato".
Si conferma ancora il più recente orientamento della giurisprudenza che, a partire dai proscioglimenti per il Presente a Ramelli, ha fissato dei paletti più rigidi sull'apologia del fascismo.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700