sabato 18 agosto 2018

Partinico, un'altra aggressione xenofoba contro minorenni stranieri

Risultati immagini per partinico aggressione razzista
Quattro giovanissimi immigrati che erano in attesa del pulmino che doveva riportarli nella comunità che li ospita sono stati insultati e picchiati la notte di Ferragosto a Partinico (Palermo). In tre settimane è il secondo episodio di violenza xenofoba nel centro siciliano.
Dopo gli insulti ai quattro, tre gambiani e un ivoriano, gli aggressori si sono scagliati contro due di loro e poi sono fuggiti. Alcune persone presenti hanno chiamato polizia e i carabinieri. I responsabili della comunità dove alloggiano i minorenni hanno presentato una formale denuncia .
I giovani immigrati erano in spiaggia a Trappeto, nella frazione di Ciammarita, per una serata di divertimento, quando forse reciproci sguardi e commenti di troppo avrebbero scatenato la rissa. In cinque avrebbero spintonato e costretto ad allontanarsi i migranti dalla spiaggia. "Siamo come voi, siamo giovani che vogliono divertirsi come voi", avrebbero detto i profughi. Ma una volta che questi sono saliti a bordo di un furgone per tornare al centro, sarebbero stati inseguiti, bloccati, minacciati di morte e presi a pugni. L'operatrice che li accompagnava avrebbe tentato di calmarli, ma anche lei sarebbe stata spintonata. Al vaglio degli investigatori le immagini delle telecamere di videosorveglianza nel tracciato tra Trappeto e Partinico.
Lo scorso 26 luglio, sempre a Partinico, un senegalese di 19 anni, Khalifa Dieng, davanti a un pub subì l'aggressione di due giovani, Lorenzo Rigano e Gioacchino Bono, finiti ai domiciliari una settimana dopo.

0 commenti:

Posta un commento