A Viterbo l’assessore della Lega vuole multare i mendicanti e chi fa l’elemosina. E stacca la bagarre. - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

mercoledì 22 agosto 2018

A Viterbo l’assessore della Lega vuole multare i mendicanti e chi fa l’elemosina. E stacca la bagarre.

L’assessore del comune di Viterbo in quota Lega, Claudia Nunzi, propone di multare chi chiede l’elemosina in modo molesto.

Claudia Nunzi
«Multeremo chi chiede l’elemosina ma anche chi la fa». Così l’assessore della Lega Claudia Nunzi, classe 1990, alla sua prima esperienza da amministratrice pubblica sugli scranni della giunta comunale di Viterbo. Non usa mezzi termini la delegata alla sicurezza e all’immigrazione della giunta Arena, intenzionata a lanciare una crociata cittadina contro l'elemosina e l’accattonaggio molesto. «L’intenzione è definita» ha spiegato alla stampa locale l’assessore che vorrebbe inserire il divieto anti-elemosina nel nuovo regolamento comunale sul decoro urbano.

La giovanissima Nunzi vorrebbe appunto riscrivere il regolamento seguendo l’orientamento nazionale del partito che pochi giorni fa ha presentato una proposta parlamentare per reintrodurre il reato di accattonaggio molesto, abrogato nel 1999. 

La proposta - com'era prevedibile - ha innescato un vespaio di polemiche, tanto da interessare il Corriere della Sera e Il Foglio che hanno riportato le intenzioni della giovane viterbese, soffermandosi - in particolar modo - sulle pesanti critiche della stampa e sulle prese di distanza dell'opposizione cittadina, come quella del consigliere Giacomo Barelli (Viva Viterbo) che ha dichiarato di essere pronto a invocare la disobbedienza civile qualora il provvedimento dovesse essere messo in atto.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700