La lezione di Vincenzo Sofo e Marion Le Pen: anche la politica è amore - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

martedì 17 luglio 2018

La lezione di Vincenzo Sofo e Marion Le Pen: anche la politica è amore

I lettori del settimanale di gossip Chi, diretto da Alfonso Signorini, sul prossimo numero, potranno ammirare, in esclusiva mondiale, le prime foto di Marion Maréchal Le Pen, figlia della sorella di Marine Le Pen e nipote dello storico fondatore del Front National, Jean Marie, con il fidanzato, un italiano, militante della Lega.
La giovane Marion, già deputata del Front National, fondatrice della scuola di politica ispirata a dall'ideologo de L’Incorrect, Jacques De Guillebon, è innamorata da un anno di Vincenzo Sofo, ideologo della Lega 3,0  nazionalista e sovranista , consulente della Regione Lombardia; ed ha già espresso in più occasioni apprezzamenti verso il nuovo corso del Carroccio. 
Secondo il settimanale Chi, da fidanzati in segreto, hanno partecipato nello scorso fine settimana alla manifestazione culturale Liguria d'Autore, amoreggiato in spiaggia ai Bagni Ivana e poi partiti per una breve e romantica vacanza nelle cinque terre.
Fin qui il gossip. A Vincenzo Sofo, nostro attento lettore, alla bella Marion i nostri sinceri e affettuosi auguri di ogni felicità.
Tornando alle cose serie la storia d'amore tra Vincenzo Sofo e Marion Le Pen, ha un fortissimo legame con la politica. 
Vincenzo Sofo è il fondatore insieme a Fabrizio Fratus de Il Talebano, think tank della destra identitaria italiana che sostiene la Lega 3,0 di Matteo Salvini.
Un laboratorio politico molto ascoltato dal leader leghista, tanto è vero che molte idee di Matteo Salvini, ad eccezione della flat tax, sono state anticipate proprio dal Talebano.
Di origini calabresi, vive a Milano, ed è laureato in economia aziendale all'Università Cattolica. Ha conosciuto Marion Le Pen per motivi politici, quando nel 2016 la nipote del vecchio leader del Front National venne in Italia per delle manifestazioni politiche fortemente volute dal sociologo Fabrizio Fratus, ideologo de il Talebano, a Roma, Milano e Firenze.
A Firenze, quasi due anni fa, venne lanciato il Fronte Identitario alla presenza di Giancarlo Giorgetti, Giovanni Donzelli (consigliere regionale toscano di Fratelli d'Italia) ma non Giorgia Meloni che scelse di non aderire al progetto.
Il Fronte Identitario sotiene Salvini premier, non la Lega, e ha consiglieri regionali, comunali e sindaci eletti al Centro-Sud anche al di fuori del Carroccio. Il 28 febbraio 2015 a Roma ci fu lo storico convegno con il quale Salvini lanciò la sua idea di nuova Lega nazionale, ma pochi sanno che poche ore prima del convegno, si tenne sempre nella Capitale un incontro tra un nutrito numero di associazioni di destra, che decisero di aderire al Carroccio. In quell'occasione parteciparono anche esponenti del Front National. Tra i relatori, oltre a Salvini, anche l'attuale ministro Lorenzo Fontana, Pietrangelo Buttafuoco e lo stesso Vincenzo Sofo. In sala, tra i presenti, anche il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci.




Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700