domenica 22 luglio 2018

Fabrizio Fratus, identitari e sovranisti: questa è la sintesi


Il sociologo milanese Fabrizio Fratus ha presentato il suo ultimo libro intitolato Oltre la destra e la sinistra, sovranisti del nuovo millennio sabato 21 luglio a Redondesco, comune di poco più di 1200 abitanti in provincia di Mantova presso la sala convegni del Castello.
Una presentazione organizzata da Progetto Nazionale, alla quale sono intervenuti, in qualità di relatori, Andrea Martinelli, consigliere comunale di Redondesco di Progetto Nazionale, Matteo Magnai, responsabile provinciale dei Giovani Padani, Vincenzo Sofo, militante della Lega.
Un interessante libro, di cui consiglio una attenta ed approfondita lettura, che ripercorre il percorso dei giovani militanti del variegato mondo dell'italica destra, dal Fronte della Gioventù alle organizzazioni extraparlamentari come il Movimento Politico Occidentale, Meridiano Zero e tante altre fino ad agganciare la Lega, al giorno di oggi sempre più di ispirazione lepenista essendo il mito del Nord soltanto un ricordo.
L'autore non dimentica di citare episodi violenti e tristi ai danni della gioventù di destra , dall'assassinio ai danni del giovane studente Sergio Ramelli, la cui unica colpa era quella di militare nel Fronte della Gioventù, organizzazione giovanile dell'allora Movimento Sociale Italiano Destra Nazionale all'azione repressiva dello Stato, post strage di Bologna. Eventi che segneranno una generazione di generosi militanti e che consacreranno il mito in quelle successive.
Dopo la svolta della destra liberal democratica di governo, avvenuta con il congresso di Fiuggi in cui si sancì la fine del Movimento Sociale Italiano e la nascita di Alleanza Nazionale l'arcipelago della destra sociale si è trovato orfano di un soggetto plurale in grado di incanalare i troppi scontenti di questo cambiamento in versione conservatrice e borghese.
Chi cercò di incanalare i nostalgici della fiamma, i contrari alla destra di governo, fallì clamorosamente nel progetto politico di una destra distinta e distante da quella di governo di An.
Come è andata a finire la storia, è cosa nota a tutti: con il fallimento del progetto politico di Alleanza Nazionale, il ridimensionamento dei missini in Forza Italia, ormai ridotti ad una piccola pattuglia, al vivere alla giornata dei post missini di Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale.
Dopo tempi tristi, arriva il cambio direzionale della Lega, verso il sovranismo, voluto fortemente da Matteo Salvini, come risposta ai diktat del politicamente corretto.
Un cambio di direzione che ha trovato tante simpatie e tanti consensi nel variegato mondo della destra come dimostrano anche i risultati elettorali del Carroccio.
La presentazione del libro di Fabrizio Fratus è stata anche l'occasione per i relatori e per il pubblico di interloquire sui temi dell'attualità politica, i primi 100 giorni del governo giallo verde, la continua e costante crescita dei movimenti populisti in Europa, grazie ad un interessante dibattito intitolato Identità, sovranità, comunitarismo.


0 commenti:

Posta un commento