Scontri di Charlotteville, suprematista condannato per il pestaggio di un nero - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

mercoledì 2 maggio 2018

Scontri di Charlotteville, suprematista condannato per il pestaggio di un nero

Un suprematista bianco, che indossava spille che esaltano Adolf Hitler e il partito operaio tradizionalista neonazista durante le violenze del 12 agosto a Charlottesville, è stato riconosciuto colpevole di aver ferito gravemente un uomo di colore, DeAndre Harris. 
Jacob Scott Goodwin, 23 anni, di Ward, Arkansas, è stato condannato da una giuria a Charlottesville per "ferite dolose". Goodwin indossava un elmetto militare e portava un grande scudo durante l'attacco su Harris, catturato in un video in un garage accanto al dipartimento di polizia di Charlottesville. Altri tre suprematisti bianchi coinvolti nell'attacco affrontano processi separati: Alex Michael Ramos della Georgia; Daniel Borden dell'Ohio e Tyler Watkins Davis della Florida. A sua volta Harris è stato accusato di aggressione e violenza contro uno dei suprematisti bianchi, ma a marzo è stato prosciolto dalle accuse. La vittima ventenne, un assistente educativo speciale, ha subito un infortunio alla spina dorsale, un braccio rotto e lacerazioni alla testa nell'assalto avvenuto durante l'ormai famoso raduno "Unite the Right" a Charlottesville, uno dei più grandi raduni di razzisti e neo-nazisti da anni, teso a impedire la rimozione di uno statua del generale sudista Robert E. Lee. Nel corso del raduno razzista - il giorno dopo una torcia infuocata, in stile Ku Klux Klan attraversò il campus della University of Virginia - un altro manifestante di destra ha guidato l'auto contro una folla di contro-manifestanti, uccidendo la trentaduenne Heather Hayer. La giuria si è confrontata con la domanda se Goodwin fosse giunto alla manifestazione preparato per la violenza o semplicemente per esercitare i suoi diritti costituzionali, come sostenuto dal suo avvocato difensore. Portava due spilli, uno il codice numerico "88" per "Heil Hitler" e un secondo con il logo del Partito operaio tradizionalista, una banda nazionalista bianca ormai defunta. "Era equipaggiato per la battaglia", ha detto l'avvocato del Commonwealth Nina-Alice Antony alla giuria nel descrivere la marcia di Goodwin. "Ha occhiali grandi, stivali. Ha uno scudo completo ", riferisce il Washington Post. Goodwin prese la sua difesa e tentò di convincere la giuria che aveva agito per autodifesa dopo aver visto Harris caricarsi verso di lui: "Pensavo che fosse ostile ... Ero terrorizzato", ha detto. Goodwin testimoniò che credeva di avere una sola scelta e che era di dare un calcio a Harris quattro volte mentre Harris veniva picchiato sul pavimento del garage. Né i pubblici ministeri né la difesa hanno chiesto a Goodwin la sua possibile affiliazione con nessun gruppo di suprematisti bianchi Ma durante le sue discussioni conclusive, l'avvocato della difesa Elmer Woodard ha sollevato la questione: "Vogliono che tu condanni quest'uomo perché è bianco e DeAndre è un uomo di colore".
Il pubblico ministero ha obiettato, dicendo al giudice che ha deliberatamente evitato di sollevare questioni razziali durante il processo.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700