domenica 15 aprile 2018

Sterco sulle mura di casa. Il Pd solidale con l'europarlamentare Kyenge

Vandali razzisti in azione a Modena. Bersaglio l’abitazione dell’europarlamentare del Pd, Cécile Kyenge, ex ministro dell'Integrazione nel Governo Letta,. A dare la notizia il Pd modenese: i  razzisti hanno imbrattato le pareti della sua casa. Il segretario provinciale dem Davide Fava e l'ex segretario democratico e deputato del collegio, Piero Fassino, hanno espresso "solidarietà" all'europarlamentare. "Desidero innanzitutto esprimere, a nome di tutto il partito modenese e mio personale, solidarietà e vicinanza alla nostra europarlamentare Cécile Kyenge - osserva Fava -: Ignoti, nella notte, si sono introdotti nel cortile della sua abitazione vandalizzandone le pareti. Si tratta chiaramente di un gesto intimidatorio nei confronti del lavoro di Cécile e di disprezzo dei valori di integrazione e inclusione che, prima come ministro e ora come europarlamentare, continua a difendere con convinzione e capacità". Kyenge, prosegue, "per il suo impegno e per la sua storia, è diventata un simbolo. Siamo vicini a Cécile e ai suoi familiari e condanniamo con fermezza questi gesti barbari e intimidatori”. 
A giudizio di Fassino, eletto nel collegio di Modena e Ferrara, "ogni atto razzista indica la miseria umana e l'abisso morale di chi lo compie. Piena solidarietà e vicinanza per Cécile Kyenge - conclude il parlamentare - vittima di atti vandalici per il suo impegno a favore della convivenza e della integrazione multiculturale". E a nome di tutta la delegazione degli eurodeputati Pd ha espresso “massima solidarietà” alla collega “per il vile attacco vandalico e razzista presso la sua abitazione in Emilia", la capodelegazione Dem all’assemblea di Strasburgo, Patrizia Toia. 

0 commenti:

Posta un commento