venerdì 2 marzo 2018

Lieve emorragia cranica per il secondo ferito di CasaPound a Taranto

Gli hanno gridato contro "ecco i fascisti di CasaPound" e poi li hanno aggrediti a bastonate. Questa la dinamica dell'agguato avvenuto la notte scorsa in via Dante a Taranto contro Raffaele De Cataldis, candidato al Senato nelle liste di CasaPound Italia, e un amico settantenne, anch’egli simpatizzante di CasaPound, da parte di quattro antifascisti incappucciati. Ad avere la peggio il più anziano dei due, al momento ricoverato in neurochirurgia per accertamenti, dopo che gli hanno riscontrato una lieve emorragia cranica subarcnoidea. All'uomo, medicato con 20 punti, sono stati dati 25 giorni di prognosi. Sei punti in testa e 12 giorni di prognosi invece per De Cataldis. In entrambi i casi, quindi, gli aggressori hanno colpito alla testa. L'episodio fa seguito al pestaggio dell'attivista livornese con assalto all'auto in cui c'era la moglie incinta.

1 commenti:

Dall'estero non si puo votare LA destra di casa pound e forza Nuova ,Siete in un Regime di leccapiedi venduti alla Sinagoga di Satana ,democraticamente LA Destra non esiste solo con la forza si puo cacciare sti ladri al governo

Posta un commento