Il collegio di Aversa alla Lega? Le preoccupazioni bipartisan di Partito Democratico e Forza Italia - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

mercoledì 24 gennaio 2018

Il collegio di Aversa alla Lega? Le preoccupazioni bipartisan di Partito Democratico e Forza Italia

Nel variegato mondo del centro destra dell'agro aversano cresce di ora in ora il malumore contro la solita candidatura alle prossime elezioni politiche di una persona slegata al territorio. Infatti, in base al sempre verde manuale Cencelli, nel collegio di Aversa dovrebbe essere assegnato alla Lega Nord che ha indicato nell'onorevole Pina Castiello, deputata di Alleanza Nazionale prima, del Popolo della Libertà poi, approdata dal maggio 2016 nelle file di Noi Con Salvini costola centromeridionale della Lega Nord.
Nella giornata di martedì erano sorti primi malumori da parte di Fratelli d'Italia che avrebbe voluto candidare il proprio segretario provinciale Gimmy Cangiano, il più votato alle scorse elezioni regionali del partito con oltre 6700 voti di preferenza, o in subordine Giorgio Magliocca, presidente della provincia di Caserta in quota Forza Italia ma con un passato nella destra sociale di Gianni Alemanno. 
Oggi invece alla notizia della probabile candidatura di un leghista nel collegio dell'agro aversano ci sono addirittura preoccupazioni bipartisan da parte del Partito Democratico e di Forza Italia.
E' di queste ore la notizia che la coalizione di centro destra ha scelto di sacrificare il complesso e variegato territorio del comprensorio agro-aversano, la sua rappresentanza nei territori agli equilibri della coalizione imponendo nel nostro collego un candidato della Lega mi auguro che gli elettori rifiutino questa colonizzazione e le idee e i valori di Salvini.


Queste sono le parole di Francesco Gatto, segretario cittadino del Partito Democratico a proposito della probabile candidatura dell'onorevole Pina Castiello nel collegio uninominale al Senato.


L'esponente democratico esprime la propria solidarietà politica ai consiglieri comunali di Forza Italia, convinto inoltre che non è con scelte calata dall'alto che si riavvicina i cittadini dell'agro aversano alla politica, auspicandosi che il popolo aversano rifiuti categoricamente le idee della Lega che per anni ha disprezzato il meridione predicando addirittura la secessione.

La candidatura di una esponente leghista, per giunta napoletana, per cui non legata al territorio, non piace neanche al coordinatore provinciale di Forza Italia, il consigliere regionale Gianpiero Zinzi che dichiara: " il radicamento deve essere il principale criterio da seguire per la scelta dei candidati alle prossime elezioni politiche. Si tratta di un principio base che si applica, nel caso specifico, anche ad Aversa, dove leggiamo dalla stampa, sarebbe stata imposta una candidatura napoletana.


Non sono in discussione né la qualità, né la capacità dei candidati papabili, ma se queste scelte fossero confermate sarebbero oltre modo difficili da spiegare ai cittadini Abbiamo bisogno, conclude il consigliere Zinzi, di persone innamorate del territorio, che si impegnino ogni giorno dentro e fuori le istituzioni.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700