Fiamma tricolore, Carelli punisce il federale candidato con Pirozzi - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

domenica 21 gennaio 2018

Fiamma tricolore, Carelli punisce il federale candidato con Pirozzi

La politica ai tempi dei social network. Anche in un partito in cui i concetti di gerarchia e disciplina sono fondamentali a un dirigente può capitare di vedersi notificare un procedimento disciplinare via facebook. E' successo al federale di Frosinone della Fiamma tricolore, sospeso per essersi candidato senza permesso nella lista Pirozzi. L'annuncio lo dà sulla sua pagina il segretario nazionale del partito, il milanese Attilio Carelli, uno dei "senatori" della fascisteria milanese:

Caro Giuliani
A seguito tua inopportuna decisione di candidarti nella lista Pirozzi ,senza aver richiesto nè ottenuto alcuna autorizzazione a riguardo dai tuoi Superiori, mi corre l' obbligo di revocarti l'incarico di Commissario Federale di Frosinone, nonché comminarti sospensione per la durata di mesi tre dal MSFT , periodo per durata del quale sei diffidato dall'agire e dal parlare a nome dello stesso, così come dal frequentarne sedi e raduni.
Attilio Carelli
SN MSFT

La replica, ovviamente, arriva come commento al post. La giustificazione: stavamo trattando per sostenere la lista Pirozzi visto che non abbiamo una lista nostra:
CARO S.N., NON ERA IL CASO DI RENDERE PUBBLICO IL TUTTO, DOPO AVER AVVERTITO IL SIGG. BEVILACQUA ED IL SUO FIDATO ATTI ANCHE LEI SAPEVA....... E SI STAVA FACENDO UN 'ACCORDO PER FAR SOSTENERE LA LISTA SUL LAZIO DA ITALIA AGLI ITALIANI. VISTO CHE NOI NON AVEVAMO UNA LISTA COME PREVEDE LO STATUTO HO CERCATO DI FARMI INSERIRE IO NELLA LISTA CIVICA...... E MI FERMO QUI RISPONDENDOLE IN PVT IN SETTIMANA TANTO VI E' DOVUTO GIANFRANCO .

1 commento:

  1. tali, rarissimi peraltro, provvedimenti non sono mai stati diffusi su facebook ma la candidatura, non autorizzata, nella lista Pirozzi dell'ex commissario federale di Frosinone è stata improvvidamente pubblicizzata, dal medesimo, con lo stesso mezzo quindi si è reso necessario, da parte del Segretario Nazionale, chiarire erga omnes la spiacevole situazione al fine di evitare equivoci e/o illazioni; l'alternativa sarebbe stata inviare una mail privata ad ogni iscritto e simpatizzante non solo della Fiamma ma anche degli alleati.

    RispondiElimina

Banner 700