Alessandria: Forza Nuova contesta Gene Gnocchi fuori al teatro San Francesco - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

venerdì 26 gennaio 2018

Alessandria: Forza Nuova contesta Gene Gnocchi fuori al teatro San Francesco

(G.p) Questa sera, con inizio alle ore 21, ad Alessandria il comico Gene Gnocchi si è esibito con il suo spettacolo "Sconcerto Rock", al teatro San Francesco, all'interno di Marte, la stagione teatrale organizzata dalla compagnia Stregatti.

In "Sconcerto Rock", Gene Gnocchi entra nei doppi panni di comico e cantante, con il suo personaggio "The Legend" un'anziana rock star, caduta in disgrazia, che di fronte alla crisi economica, si ritrova ad improvvisare uno spettacolo.
L'esibizione costituirebbe per l'anziana rock star un'occasione di riscatto, una rivincita ed invece diventa un vero e proprio calvario.
Fuori al teatro San Francesco, ad Alessandria, a contestare Gene Gnocchi c'era una delegazione alessandrina di militanti di Forza Nuova, "armati di uno striscione riportante la seguente frase Claretta era amore, Gnocchi solo viltà e disonore, guidati dal segretario provinciale Piero Aiello, che aveva pubblicamente invitato ad un confronto il comico alla luce delle sue affermazioni fatte nel corso della trasmissione televisiva di Martedì condotta da Floris, quando Gnocchi riferendosi alla foto pubblicata da Giorgia Meloni del maiale che grufola nell'immondizia nella Roma mal governata dai Cinque Stelle, ha detto che si trattava di maiale femmine di nome Claretta Petacci.

Il confronto tra i militanti di Forza Nuova e Gene Gnocchi non c'è stato come ci conferma una breve nota, diffusa da Forza Nuova che pubblichiamo per intero.
Abbiamo contestato Gene Gnocchi, davanti al teatro San Francesco, dichiara Piero Aiello, segretario provinciale di Forza Nuova, dopo che il comico ha offeso, in diretta televisiva, la memoria di Claretta Petacci affermando che il maiale fotografato a Roma riportasse il suo nome. 
Il nome di una donna, Claretta Petacci, uccisa dai partigiani a Dongo, la cui unica colpa fu quella di essere l'amante di Benito Mussolini.

1 commento:

Banner 700