mercoledì 27 dicembre 2017

Guerra dei pascoli in Nevada, i federali barano. Annullato il processo contro i miliziani

Citando ad esempio un pubblico ministero che sopprime le prove, un giudice federale a Las Vegas ha dichiarato invalido il processo contro Cliven Bundy, due suoi figli e un comandante della milizia del Montana, accusati di un confronto armato nel deserto con agenti federali nel 2014.  I quattro imputati sono accusati di cospirazione, aggressione e minacce agli ufficiali federali, uso di armi da fuoco durante i crimini di violenza, ostruzione della giustizia ed estorsione per le loro azioni di quel giorno.
L'episodio rientra in un conflitto ventennale tra la famiglia di allevatori del Nevada e la BLM (l'agenzia federale che gestisce le terre pubbliche) sui diritti di pascolo e la tutela degli interessi degli agricoltori, danneggiati dalla pretesa degli allevatori sul libero pascolo. La famiglia Bundy gode del sostegno dei movimenti antigovernativi e survivalisti ben radicati nel West e nel Nord West degli Stati Uniti. Nel 2016 uno dei 14 figli di Cliven, Ammon, imputato anche in questo processo, guidò l'occupazione di un rifugio federale in Oregon. In quell'occasione un portavoce del movimento fu ucciso dalla polizia dopo essersi arreso, durante un tentativo di fuga nella neve (vedi video).

Dopo la sentenza i due giovani Bundy e il miliziano del Montana accorso in loro aiuto, hanno lasciato l'aula con le braccia legate. Ammon si è rivolto ai giornalisti radunati fuori dal tribunale federale: "Non credo che ci sia una giuria in questo paese che condannerà. La verità è dalla nostra parte".
Il giudice distrettuale capo Gloria Navarro ha motivato la sentenza con la condotta del governo che si è impegnato in un "fallimento intenzionale nel divulgare informazioni" sull'uso di cecchini governativi e telecamere di sorveglianza che circondano la casa della famiglia Bundy a Bunkerville, nel Nevada, a circa 80 miglia a nord di Las Vegas. Il giudice ha ricordato anche che ci sono state ben quattro diverse valutazioni della pericolosità della famiglia Bundy.  
Il sostituto procuratore federale Steven W. Myhre e i suoi due assistenti hanno scelto il no comment: "Vi faremo sapere se ne abbiamo uno", ha detto a Hatewatch una portavoce dell'Ufficio del Procuratore federale .

0 commenti:

Posta un commento