Donzelli (Fdi), inaugura una mostra sui debiti della famiglia Renzi - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

giovedì 28 dicembre 2017

Donzelli (Fdi), inaugura una mostra sui debiti della famiglia Renzi

(G.p) Una mostra tra il serio e il faceto. Tra Giotto e Michelangelo, a Firenze, ora compare pure Tiziano Renzi. La mostra intitolata La denuncia di Fratelli d'Italia in Regione Toscana sui rapporti tra Fidi Toscana e l'azienda della famiglia Renzi è stata inaugurata nella giornata di mercoledì 27 dicembre nella stanza del gruppo politico che fa riferimento all'onorevole Giorgia Meloni ed aperta al pubblico fino al 5 gennaio.

Il senso di questa provocatoria mostra organizzata dal consigliere Donzelli ci viene spiegato, con maggiori dettagli, da una nota, diffusa alla stampa, che pubblichiamo per intero.


Dieci pannelli che raccontano la storia dei debiti contratti dalla Chil, azienda della famiglia Renzi, garantiti con soldi pubblici tramite la finanziaria della Regione Fidi Toscana e mai restituiti. E' la mostra dal titolo "La denuncia di Fratelli d'Italia in Regione Toscana sui rapporti tra Fidi Toscana e l'azienda della famiglia Renzi" che è stata inaugurata oggi in Consiglio regionale della Toscana (guarda il video). La mostra sarà in esposizione al gruppo di FdI da oggi al 5 gennaio 2018.
Fra i documenti in mostra anche il mutuo concesso dalla Bcc di Pontassieve e firmato sia da Tiziano Renzi che da Marco Lotti, padre dell'attuale Ministro dello Sport, in qualità di gestore aziende della filiale.
"Qualcuno ha dubitato sulla veridicità delle nostre denunce, da oggi i cittadini potranno verificare con i loro occhi ciò che è successo: i documenti parlano da soli".
"Il denaro pubblico utilizzato per coprire il mutuo non è mai stato recuperato perché la Chil è poi fallita". "E' una vergogna che i soldi dei cittadini siano stati utilizzati per coprire i debiti contratti dai Renzi. Per di più la garanzia è stata coperta da Fidi all'80% come previsto per le aziende toscane femminili: eppure dopo aver ottenuto il fido l'azienda è passata nelle mani di Tiziano Renzi e si è spostata in Liguria. Le mie azioni sono state doverose per la tutela dell'interesse pubblico: probabilmente nessuno sarebbe intervenuto senza le mie denunce".
Nei pannelli in mostra, oltre ad una ricostruzione e il documento ufficiale in cui si concede la garanzia, ci sono anche le informazioni societarie su Fidi Toscana e il suo regolamento per i finanziamenti, così come l'assunzione del Comune di Firenze per Luca Lotti come responsabile della segreteria dell'allora sindaco Matteo Renzi.
E poi le interrogazioni e le risposte della Regione in cui si confermano le anomalie, insieme all'insinuazione di Fidi al passivo della società fallita Chil. "Continuerò a battermi con forza per chiedere che coloro i quali violano le regole paghino le conseguenze".
"E' mio dovere istituzionale di eletto difendere l'interesse della collettività".


LA RICOSTRUZIONE DELLA VICENDA
LE REGOLE Fidi Toscana, la finanziaria della Regione, prevede uno stanziamento per aiutare le piccole e medie imprese toscane nelle garanzie per l’accesso al credito. Il regolamento prevede che la garanzia possa raggiungere fino al 60% della copertura del credito, elevabile all’80% se si tratta di un’impresa giovanile o femminile

FIDI TOSCANA DICE SI’ ALLA DOMANDA DEI RENZI il 16 marzo 2009 la Chil della famiglia Renzi presenta tramite la BCC di Pontassieve la domanda per un finanziamento a 84 mesi da 437mila euro In quel momento Matteo Renzi è l’unico dirigente della Chil (in aspettativa), ma anche Presidente della Provincia che figura fra i soci di Fidi Toscana Il 15 giugno 2009 Fidi Toscana accetta la richiesta della Chil e delibera la garanzia all’80% come azienda femminile: i soci sono la madre e le sorelle di Matteo Renzi Il 13 luglio 2009 Luca Lotti (divenuto in seguito sottosegretario del governo Renzi e poi Ministro del governo Gentiloni) viene assunto da Matteo Renzi a Palazzo Vecchio come responsabile della segreteria del sindaco Il 14 luglio 2009 Marco Lotti, padre di Luca Lotti, firma il parere positivo al mutuo come “Gestore aziende” della filiale di Pontassieve della BCC Appena 15 giorni dopo aver ottenuto il mutuo, la madre e le sorelle di Renzi cedono al padre Tiziano le quote. L’azienda cambia nome da “Chil” a “Chil Post” Il 13 agosto 2009 si stipula il mutuo: per la Bcc di Pontassieve a firmare è Marco Lotti. Né la banca né Fidi si accorgono che l’azienda non è più femminile, nonostante la firma per la Chil Post sia di Tiziano Renzi

CESSIONE, VENDITA E CRISI DELLA CHIL L’8 ottobre 2010 Chil vende un ramo d’azienda a Chil Promozioni: oggi è tutt’ora in vita e si chiama Eventi 6 Il 14 ottobre 2010 Tiziano Renzi sposta la Chil Post a Genova: l’azienda cessa anche di essere toscana (e quindi di essere beneficiaria degli aiuti per le aziende toscane) Il 12 agosto 2011 la Chil Post manca di pagare una prima rata del mutuo: la banca la mette in mora il 20 ottobre 2011 Il 15 febbraio 2012 la BCC di Pontassieve chiede a Fidi Toscana l’escussione della garanzia Il 7 febbraio 2013 la Chil Post viene dichiarata fallita dal tribunale di Genova

CHI PAGA? Il 1° agosto 2013 Fidi Toscana liquida alla BCC di Pontassieve 263.114 a copertura della perdita della banca per l’80% dell’esposizione Il 30 ottobre 2014 a seguito dell’attivazione della controgaranzia Fidi Toscana recupera la somma del Fondo Centrale di Garanzia del Ministero dello Sviluppo Economico (governo presieduto da Matteo Renzi) In seguito alle interrogazioni di Fratelli d’Italia il 30 settembre 2015 Fidi chiede alla sezione fallimentare del tribunale di Genova di potersi insinuare al passivo della Chil Post. Quei soldi non sono mai stati recuperati

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700