venerdì 22 settembre 2017

Napoli. iniziativa sulla sicurezza al Vasto: è scontro tra antagonisti e Casa Pound

I militanti partenopei di Casa Pound Italia nella serata di giovedì 21 settembre con inizio alle ore 21 hanno dato vita ad un presidio in piazza Principe Umberto, per ricordare alle istituzione che il Vasto e la Ferrovia sono territori italiani che appartengono ai napoletani che li abitano da decenni.
Una iniziativa denominata Riprendiamoci i nostri quartieri, fermiamo spaccio, degrado, violenze, regolarmente autorizzata dalla Questura di Napoli che non poteva non trovare la ferma opposizione da parte degli antagonisti dei centri sociali e di un nutrito gruppo di immigrati.
Per questo motivo è dovuta intervenire la polizia in piazza Principe Umberto al fine di sedare un principio di rissa tra giovani di fazioni politiche contrapposte.
Prima dell'arrivo delle forze dell'ordine erano volate bottiglie ed il clima era teso.
Per fortuna gli agenti della questura sono riusciti a separare i due gruppi contenendo i disordini.
Sul presidio e sulla contestazione da parte dei centri sociali Casa Pound ha diffuso alla stampa una breve nota che pubblichiamo per intero.

Questa sera CasaPound Italia era in Piazza Principe Umberto per ricordare alle istituzioni che il Vasto è territorio italiano e appartiene ai napoletani che lo abitano da decenni.
Purtroppo il presidio è stato disturbato da una trentina di esponenti dei centri sociali affiancati dagli immigrati. Questi traditori di Napoli, al soldo delle cooperative, sono sempre pronti a scendere in piazza in difesa del business dell'immigrazione.
CasaPound non si è lasciata intimidire e ha tenuto la piazza in cui era regolarmente autorizzata a svolgere il presidio.















0 commenti:

Posta un commento