giovedì 14 settembre 2017

Marco Nonno: la legge Fiano non passa, Mussolini resta



(G.p) Marco Nonno, consigliere comunale eletto nelle file della lista civica di centro destra Prima Napoli ora in Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale, già vice presidente del Consiglio Comunale di Napoli, esponente di spicco della destra partenopea, nel corso di una intervista, rilasciata ai colleghi dell'agenzia di stampa Omninapoli Marco Sales e Claudia Sparavigna ha spiegato il perché alla notizia dell'approvazione alla Camera della proposta di legge presentata dal deputato del Partito Democratico Emanuele Fiano ha ironicamente e provocatoriamente commentato con una fotografia di Benito Mussolini sulla sua pagina personale di Facebook con testuali parole : "aspettando l'imbecille di turno che ora provvederà a scrivere all'Anpi (associazione nazionale partigiani d'Italia) ed alla Boldrini Duce fumaci sopra.
D'altronde il consigliere Nonno ha cercato di fare un po di spirito, perché quella giornata è stata buia ed inutile.



2 commenti:

  1. Non sara questo Ebreo che mentre come respira di Fiano a fermare il fascismo e il nazismo ,gli italiani sono intelligenti con le sinistre berlusca lega m5s ecc siete dietro morire ,come nazione l'italia non esistera piu un paio di anni ed e' LA fine.LA soluzione c'e' ma dovete disintossicarvi LA testa dalle cazzate e bugie dette sul fascismo da quei vili politici massoni( lo sono tutti )al governo servi degli ebrei e delle loro banche e informazione debenedetti mentana mieli augias ecc ecc

    RispondiElimina
  2. La pretesa di cambiare le idee o la mentalità della gente a mezzo di leggi è, di tutte le sciocchezze di questa età moderna pretesamente democratica,la più folle.

    RispondiElimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.