lunedì 3 luglio 2017

No ius soli, basta invasione. La manifestazione del Vfs a Venezia

Un centinaio di militanti all'associazione culturale Veneto Fronte Skinheads ha manifesto contro lo ius soli domenica 2 luglio a Venezia.  I militanti hanno esposto uno striscione riportante le seguenti parole : no ius soli, basta invasione e distribuito volantini sul tema ai cittadini veneziani ed ai tanti turisti presenti in zona.
Il senso di questa iniziativa dell'associazione culturale guidata da Giordano Caracino ci viene spiegata, con maggiori dettagli, da una nota diffusa alla stampa.
Nota che pubblichiamo per intero.


L'associazione culturale Veneto Fronte Skinheads oggi, con questa manifestazione, ha inteso lanciare un urlo.
Un urlo che squarci la buia notte della nostra Nazione e dell' Europa intera, che riecheggi dall' Atlantico agli Urali.
Un urlo contro coloro per cui l'immigrazione rende più della droga.
Contro coloro che mascherandosi da illuminati filantropi sfruttano una logica schiavista, per rimpinguare le loro già capienti casse.
Coloro che, tramite oscuri progetti di sostituzione dei popoli, cercano di perpetuare il proprio corrotto potere barattando diritti di cittadinanza con presunti bacini elettorali.
Coloro che, per conto dei propri apolidi padroni, procurano manodopera a basso costo.
Coloro che, paladini dei diritti dei lavoratori, ne plaudono il calpestio ed il livellamento verso il basso.
Coloro che, causa delle stesse guerre fonte di rifugiati, predicano l'integrazione, soprattutto dei propri guadagni.
A tutti questi personaggi noi gridiamo in faccia il nostro disprezzo.
Questo urlo parte proprio da Venezia, centro metaforico d'Europa : noi non ce ne andremo in silenzio!!

NO IUS SOLI
BASTA INVASIONE

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.