giovedì 29 giugno 2017

CATEGORIA:

Scontri di Casale S. Nicola: l'accusa chiede 60 anni di carcere


Nel processo per gli scontri di Casale S. Nicola del luglio 2015 durissime le richieste dell'accusa contro i 9 imputati: un massimo di 7 anni e mezzo e un totale di 60 anni di carcere. Secca la replica di CasaPound.
"Dopo il successo elettorale e i 5mila partecipanti alla manifestazione contro lo ius soli a Roma, i poteri forti ci scatenano contro la magistratura più ideologizzata. Diventa così sempre più un caso politico il processo per gli scontri di Casale San Nicola, gli incidenti scoppiati dopo tre mesi di proteste pacifiche dei residenti e di militanti di CasaPound contro l'apertura di un centro di accoglienza in un comprensorio che ospita solo 250 famiglie. Siamo di fronte a richieste talmente esorbitanti, da suscitare sorpresa anche nel tribunale, che ha ritenuto di dare più tempo alla difesa, rinviando a ottobre la sentenza - prosegue CasaPound - Il pm, oltre a negare perfino le attenuanti generiche e incurante delle numerose testimonianze contrarie dei residenti, ha prodotto una ricostruzione tutta tesa a dimostrare che CasaPound non era lì per dare sostegno alla legittima protesta popolare, ma per portare a compimento un preordinato attacco alla polizia. Una ricostruzione assurda e smentita dalla nostra presenza senza soluzione di continuità al presidio di Casale San Nicola dal primo all'ultimo giorno senza defezioni, che non può che nascere dal pregiudizio di chi non vuole ascoltare le ragioni di chi c'era e non riesce a vedere la realtà di CasaPound".

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.