sabato 24 giugno 2017

CATEGORIA:

Latina: imprenditore afferma i propri gusti sessuali con uno striscione e si ritrova i carabinieri a casa

Un imprenditore di Latina, le cui generalità non sono state diffuse, con uno striscione, riportante la seguente scritta : viva la fica, ha riaffermato i propri gusti sessuali, nel giorno in cui a Latina è in corso il Lazio Pride, manifestazione giunta alla sua seconda edizione, dedicata ai diritti civili per le persone gay, lesbiche, bisex e trans.
L'imprenditore poco dopo aver esposto il suo messaggi, ha ricevuto una inaspettata visita dei carabinieri che lo hanno costretto a togliere lo striscione esposto.
Questa incredibile storia ci viene raccontata, con un interessante articolo, dal quotidiano on line Latina 24 ore.
Articolo che riportiamo per intero.


Non è chiaro se l’intento dello striscione fosse provocare una risata oppure provocare… e basta. Poco dopo aver esposto il suo “messaggio”, di certo non troppo elaborato, i carabinieri hanno bussato alla sua porta. Non per complimentarsi per la sua esibizione, come forse lui si aspettava, ma per far togliere il lenzuolo dalla finestra.

Poi l’uomo, o chi per lui, ha addirittura “rivendicato” il coraggiosissimo gesto con una mail (senza firma) da un account che (ironia della scelta) è “liberidiessere”. Nella mail invoca “preghiera e libertà di diffusione”. Poi racconta come un cronista: “Carabinieri a casa di un noto imprenditore di Latina. Quello che ha esposto fuori dal suo balcone è una nota frase conosciuta sin dai banchi di scuola. “W la F…”. L’imprenditore ha voluto provocare una reazione in merito al gay pride in svolgimento oggi a Latina”.

Dopo l’introduzione c’è anche un virgolettato del noto (ma anche anonimo) imprenditore, come nei veri comunicati stampa: “Non sono un omofobo – afferma l’anonimo nuovo “poeta pontino” – ho voluto solo riaffermare i miei gusti sessuali – provocatoriamente sottolinea. Comprendo la frase di impatto forte, ma a quale impatto stiamo andando incontro noi stasera? Posso essere anche io libero di esprimere i miei gusti sessuali? Niente è banale, la mia azione provocatoria è per sottolineare il fatto che viviamo in un mondo ricco di ipocrisie. Che differenza c’è fra un gay e un etero? Nessuna! Perché dobbiamo creare minoranze? I gusti sessuali fanno parte di una sfera personale. Perché farne una manifestazione? Il sistema politico, sociale e culturale oggi è provocatorio, e induce all’omofobia. Io non ci sto e per una parità di “genere” ho voluto dire la mia. Purtroppo è durata poco la mia libertà, mi hanno costretto con le buone maniere a togliere il mio manifesto. In un paese che si definisce libero mi è sembrato tutto così strano…”.

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.