giovedì 6 aprile 2017

Roma:Isabel Giorgi lascia i cinque stelle e approda in Fratelli d'Italia.


(G.p)Il Movimento cinque stelle ed il sindaco di Roma Virginia Raggi perdono un altro pezzo. Infatti la consigliera Isabel Giorgi, eletta nel XIII municipio ha deciso di lasciare la maggioranza per aderire a Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale movimento politico guidato da Giorgia Meloni.
Una scelta che ricalca quella della collega, anche lei ex grillina, Francesca Grosseto. La consigliera Giorgia, di anni 20, studentessa in Scienze Politiche alla Sapienza, molla il movimento cinque stelle di Beppe Grillo lanciando durissime accuse contro il suo ex movimento, come quella di mobbing politico da parte del suo ex gruppo in consiglio municipale.
Nel corso di una conferenza stampa la consigliera Giorgi ha spiegato i motivi circa l'addio alla truppa grillina precisando : ho riscontrato molte problematiche all'interno del gruppo del Movimento Cinque Stelle che ho trovato inconcludente e lontano dalle esigenze dei cittadini. Quello che, ricorda Giorgi, avrebbe dovuto essere un movimento del popolo, espressione della gente, ora è chiuso nei palazzi, incapace di dare risposte ai tanti impegni che sono stati presi, più interessato al gossip interno che all'amministrazione".
"Ho deciso di aderire a FdI perché rispecchia in pieno i miei valori personali e politici e mi piace il modo in cui si rapporta con il territorio e lavora per i cittadini. Stimo molto Giorgia Meloni - sottolinea la Giorgi - e ho conosciuto persone come Fabrizio Santori e Marco Giovagnorio che apprezzo per l' impegno quotidiano e la franchezza nei rapporti. Di loro mi sono subito fidata, mi hanno accolto come in una famiglia".
Circa le accuse di mobbing e stalking politico la consigliera Giorgia dichiara: l'ambiente interno nel M5S non è per nulla sereno. Spesso, per invidie o antipatie tra i componenti del gruppo, si trascurano i problemi del territorio per far spazio a ripicche personali e insulti. Sono stata mobbizzata politicamente in questi mesi , durante i quali non mi è stato consentito di dare risposte a quei cittadini che hanno creduto in me e credono ancora in me". Dunque, tanti "cari" saluti a Grillo & Raggi.

0 commenti:

Posta un commento