lunedì 3 aprile 2017

La Boldrini scrive a Zuckzerberg :facebook chiuda le pagine che inneggiano al fascismo

(G.p) La presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini scrive a mister Mark Zuckerberg per ricordargli come in Italia l'apologia del fascismo è reato, chiedendo inoltre di oscurare le centinaia di pagine che inneggiano al fascismo.
Pagine segnalate più volte, con scarsi risultati, anche dall'associazione nazionale partigiani d'Italia per gli inaccettabili contenuti, come ci racconta, con un interessante articolo, il collega Sergio Rame dalle colonne de il Giornale.
Articolo che riportiamo fedelmente.


Per il presidente della Camera non basta che si dica che "non c'è spazio per l'odio su Facebook", che è "contro le discriminazioni" e che crede in questo strumento per connecting people. "Deve anche mettere in atto misure che contrastino i fenomeni di odio che invece sono dilaganti, specialmente verso le donne".
Nella lettera inviata a Palo Alto la Boldrini ha ricordato a Zuckerberg che Facebook, come altri social media, ha "un enorme e straordinario potere". "Sono loro a condizionare l'opinione pubblica e a determinare, dicono gli esperti, possibilmente anche gli esiti elettorali. Se questo è vero, è chiaro che i social devono essere sempre più soggetti responsabili", ha spiegato la Boldrini che in una intervista a Radio Radicale ha ricordato che "non basta che dica che non c'è spazio per l'odio su Facebook, che è contro le discriminazioni e che crede in questo strumento per connecting people. Deve anche mettere in atto misure che contrastino i fenomeni di odio che invece sono dilaganti, specialmente verso le donne".
Da parte di Facebook e degli altri social media, la Boldrini vorrebbe "una presa di posizione chiara e coerente". "Se è vero che sono contro l'odio allora bisognerebbe avere nel nostro Paese un ufficio operativo di Facebook, che invece non esiste, a sostegno degli utenti e di chi vuole essere capace di interloquire con questa piattaforma, perchè ad oggi è molto complicato, e intato la notizia gira, intanto la falsa informazione fa i suoi danni, intanto l'odio dilaga", ha continuato il presidente della Camera chiedendo a Zuckerberg di oscurare le "centinaia e centinaia di pagine che inneggiano al fascismo". "Da noi l'apologia di fascismo è un reato, dopo che l'Anpi ha più volte segnalato gli inaccettabili contenuti di queste pagine, perché non vengono chiuse? Nella lettera che ho mandato a Zuckerberg ho chiesto perché non accade, non penso che sia una società multinazionale a dover decidere se una fattispecie sia o no reato - ha, poi, concluso - nel nostro ordinamento lo è, e allora non è possibile tollerare queste pagine. Ci sono mol
te contraddizioni che debbono essere chiarite perché altrimenti è difficile credere alla buona fede".

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.