lunedì 31 ottobre 2016

Casa Pound Sassari: no ai circhi equestri


(G.p)I militanti sassaresi de la Foresta che avanza, associazione ecologista di Casa Pound Italia hanno protestato contro la presenza in città del circo equestre Darix Togni esponendo il seguente striscione : Circi equestri, gli animali non si divertono. La protesta del gruppo ecologista la Foresta che avanza ci viene descritta, con un interessante articolo, dal sito di informazione locale Alghero news.
Articolo che riportiamo fedelmente.



Circhi equestri: gli animali non si divertono”, questo lo slogan con il quale i militanti de La Foresta che Avanza, associazioni ecologista di CasaPound Italia, hanno protestato contro la presenza in città del circo equestre Darix Togni. “Anche quest’anno – afferma Manlio Mesina, responsabile regionale de La Foresta che Avanza – vogliamo sensibilizzare i cittadini sassaresi sul tema dei circhi con l’utilizzo degli animali negli spettacoli

“Nei circhi gli animali vengono sottoposti a sofferenze e umiliazioni che annientano la loro natura. Una pratica barbara, quella dell’utilizzo degli animali negli spettacoli equestri, che educa al cinismo gli spettatori più giovani e fa perdere al bambino la percezione della reale natura degli animali, i quali verranno visti da quel momento come semplici oggetti di divertimento e di sfruttamento. Il tutto ben foraggiato economicamente dai finanziamenti pubblici erogati dallo Stato”. “Chiediamo – conclude la nota de La Foresta che Avanza – l’abolizione di ogni finanziamento pubblico ai circhi equestri, mentre alla giunta comunale chiediamo che inizi a vietare, per gli anni a venire, il transito nella nostra città di questi carozzoni di sofferenza e di sfruttamento animale.”

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.