sabato 1 ottobre 2016

30 settembre 1981. I Nar uccidono il "traditore" Pizzari

secondo il modo di pensare dei Nar - spiega al processo Francesca Mambro - nei confronti dei nemici bisogna aver rispetto, anche se vengono condannati a morte per quello che fanno. Nei confronti dei traditori, invece, tale rispetto non può esservi e, pertanto, vanno annientati. Pizzari è stato ucciso perché ha fatto arrestare due persone e ne ha cagionato la morte di una, ma il Pizzari non aveva partecipato alla lotta, e, quindi, non poteva considerarsi un traditore ma una spia. LEGGI TUTTO

30 settembre 1981. I Nar uccidono il "traditore" Pizzari

0 commenti:

Posta un commento