giovedì 15 settembre 2016

Storace:con veti e tatticismi il centro destra non va da nessuna parte


(G.p)Il collega Antonio Rapisarda, dalle colonne de Il Tempo, storico quotidiano romano, intervista Francesco Storace, leader de la Destra e vice presidente del consiglio regionale del Lazio sulle drammatiche condizioni in cui versa la città di Roma, a guida cinque stelle  sulla diaspora del centro destra, uscito pesantemente sconfitto alle ultime elezioni amministrative e sui troppi tentativi di ricomposizione del centro destra con diverse convention previste nel prossimo fine settimana.



Francesco Storace, leader de La Destra. I guai di Virginia Raggi cosa comportano per Roma?

«Diciamo che è finita perfino la speranza. Se questo è il cambiamento... Peraltro oggi (ieri, ndr) abbiamo visto una scenetta analoga in Consiglio regionale dove il grillino Barillari ha presentato emendamenti a una legge e il capogruppo si è alzato in aula per smentirlo: sono nel caos più totale. A Roma Raggi ha preso un larghissimo consenso - anche se parliamo del 20% dei cittadini - e deve conquistare le simpatie del restante 80%. Mi sembra, però, che non sia su quella strada. Lo dico con dispiacere, perché questa è la città in cui vivo e vorrei vederla amministrata bene».

Immagino che i rimpianti per ciò che avrebbe potuto e dovuto fare il centrodestra a Roma siano tanti. E adesso?

«Non c’è dubbio. Anche se il centrodestra ha perso non solo a Roma, ma a Milano, Torino e Napoli. A Roma si sono sommati anche i veti: a me, ad esempio, è stato reso impossibile sostenere il candidato Meloni che avrei portato molto volentieri, solo che lei non ha voluto. Adesso il centrodestra si deve ricompattare perché può tornare a vincere, ma per farlo devono finire i veti: è chiaro, come prima condizione, che deve cessare l’atteggiamento borioso di superiorità. Seconda condizione sono i contenuti: ha ragione Salvini, Europa o no è un discrimine di non poco conto. Terza questione: il centrodestra cosa vuol fare della diaspora che l’ha dilaniato? Quarto punto riguarda ciò che deve accadere a destra: io sono ancora per una destra unita e il nostro congresso servirà a rilanciare questo messaggio».

La ricomposizione sarà oggetto di diverse convention questo fine settimana...


«Sono in attesa di conoscere cosa farà questo fine settimana il senatore Razzi... Visto che tutti stanno mettendo in scena questa commedia, dove ognuno agisce in funzione dell’altro, dove ognuno fa la gara sull’altro. Tutto questo è sbagliato e col mio G iornale d’Italia continuo a raccontare una storia che non mi piace: un centrodestra che continua a marciare diviso».

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.