martedì 24 maggio 2016

Attacco ad Alessandra Mussolini: il suo nome associato ad Hitler

(G.p) Qualche buontempone, ha affisso alcuni manifesti elettorali abusivi in alcune strade della città eterna, chiamata al voto amministrativo per domenica 5 giugno, consigliando al corpo elettorale di votare sotto il simbolo di Forza Italia i candidati Mussolini ed Hitler per Marchini sindaco. Forse siamo di fronte ad una iniziativa fortemente provocatoria dopo l'inaspettata candidatura di Alessandra Mussolini, capolista di Forza Italia a sostegno di Alfio Marchini.
Il Tempo, storico quotidiano romano, a questi strani manifesti affissi in alcune vie della città dedica un interessante articolo che pubblichiamo per intero.


«Al di là della diffamazione nei miei confronti, è un danno alla regolarità della campagna elettorale e, soprattutto, un attacco a Marchini. Mi piacerebbe sapere chi è il mandante». Alessandra Mussolini, capolista di Forza Italia a Roma, parla dei falsi manifesti elettorali apparsi su alcuni muri della città. Manifesti che al simbolo del partito e alla scritta «per Marchini sindaco» abbinano i nomi di Hitler e Mussolini. 
«Abbiamo presentato denuncia ai carabinieri e avvertito personalmente il nuovo prefetto, Paola Basilone. Non credo che dietro ci sia un partito strutturato, ma è evidente che un messaggio così diretto nasconde del pressapochismo riferibile ad una certa area politica. Io un'idea ce l'ho, vedremo se troverà conferma». 
«C’è voluto del tempo, ci sono voluti dei soldi per fare i manifesti - continua Mussolini - chi li ha commissionati evidentemente è qualcuno che ha paura di Marchini perché sa che è l'unico candidato che può vincere contro qualcun altro in caso di arrivo al ballottaggio»

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.