Con Maurizio Sarri, contro la dittatura del politicamente corretto - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

mercoledì 20 gennaio 2016

Con Maurizio Sarri, contro la dittatura del politicamente corretto

Ugo Maria Tassinari, fondatore del blog fascinazione.info, dalle colonne dell' Alter Ugo, con poche e chiare parole interviene sulla querelle mediatica del giorno, relativa alle offese lanciate da Maurizio Sarri, allenatore del Napoli, a Roberto Mancini, allenatore dell'Inter.
Contro la dittatura del politicamente corretto, contro il pentito Mancini, Ugo Maria Tassinari, si schiera, senza se e senza ma, dalle parte di Maurizio Sarri. 


Poche chiare parole sulla querelle mediatica del giorno. Da tifoso juventino che schifa l’Inter ed è odiato ferocemente dai napoletani, a cominciare da mia sorella.
Contro la dittatura del politically correct, contro il ‘pentito’ Mancini (quando le zozzerie riguardavano i suoi invocava la legge del campo) io starò pe’ ciente anne con quella testa di cazzo di Maurizio Sarri. Nonostante certo vittimismo napoletano che già tracima o viene usato per legittimare l’indifendibile su questo terreno (l’evocazione difensiva dei cori razzisti …)
Perché Napoli è la città con il più alto tasso di integrazione dei femminielli nella comunità e nell’immaginario collettivo.
Perché una delle battute di culto (ripetuta) del mio film preferito (C’era una volta l’America”) è: “Che ore sono? L’ora di prenderlo in culo”. E la cosa non allude alle pratiche sessuali ma ai rapporti di forza nel conflitto sociale.
Perché in vita mia avrò declinato migliaia di volte le espressioni “fare/non fare” il ricchione e “metterlo/prenderlo” in culo restando sempre ancorato a un discorso sul sistema di relazioni umane e non sulle congiunzioni carnali variamente interpretate.
Perché, appunto, a Napoli “una ricchionata” è una condotta che viola l’ethos virile, la condotta propria dell’essere uomini (e qui vi risparmio la lezione filologica: sia in greco che in latino virtù e virilità hanno la stessa radice, ar in greco e vir in latino): e sicuramente, ex post, le dichiarazioni stampa di Mancini, ieri sera, sono state una ‘ricchionata’.
Perché Napoli è una città che vanta intellettuali omosessuali, da Paolo Isotta a Pino de Stasio, che nel sentire comune sono diecimila volta più “uomini” di un etero isterico e risentito come Mancini.
E quindi, con Maurizio Sarri pe’ ciente anne.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700