lunedì 28 settembre 2015

CATEGORIA:

Genova: danneggiata la targa ad Ugo Venturini, la protesta di Forza Nuova e Fratelli d'Italia


(Gp)Nella notte tra sabato 26 e domenica 27 settembre ignoti hanno danneggiato la targa dedicata a Ugo Venturini, il missino ucciso il 18 aprile del 1970 durante un comizio di Giorgio Almirante ai giardini di piazza Verdi.
Il sito di informazione ligure Tele nord ci racconta la protesta di Fratelli d'Italia e di Forza Nuova contro l'incivile gesto perpetrato da ignoti chiedendo anche l'intervento del sindaco Marco Doria che dovrebbe, a detta di Forza Nuova, avere il coraggio di condannare pubblicamente il gesto.


Danneggiata Targa a Venturini, Fratelli d’Italia e Forza Nuova protestano

E’ stata danneggiata, molto probabilmente nella notte, la targa ai giardini di piazza Verdi dedicata a Ugo Venturini, il missino ucciso il 18 aprile del 1970 durante un comizio di Giorgio Almirante. Forte la condanna di Gianni Plinio, vice segretario regionale di Fratelli d’Italia-AN e Massimo Spinaci, coordinatore metropolitano genovese. “Solo dei vigliacchi – hanno sottolineato i due esponenti di
FdI – possono distruggere la targa di un militante missino assassinato da ultracomunisti 45 anni fa. E’ la terza volta che accade. Ci rivolgeremo, anche in questa occasione, al questore”. Forte la protesta anche da parte di  esponenti di Forza nuova che hanno invocato l’intervento del sindaco Marco Doria. “Pretendiamo che dopo questo ennesimo sfregio alla città , il sindaco abbia almeno il coraggio di condannare questo gesto anche perché  un suo ennesimo silenzio verrebbe da noi interpretato come una manifestazione di assenso per questa vile azione. Se non si fara’ nulla siamo pronti ad azioni eclatanti”.

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.