lunedì 19 gennaio 2015

CATEGORIA:

Scontri allo stadio, 20 punti di sutura in testa per il capo di CasaPound. Sabato manifestazione nazionale antifa a Cremona

Versa in gravissime condizioni all'ospedale maggiore di Cremona l'attivista del Centro sociale cittadino Dordoni, Emilio Visigalli, massacrato di botte da militanti della sezione cremonese dell'organizzazione di destra Casa Pound. Il ferito ha 50 anni, fa l'operatore ecologico e abita a Maleo (Lodi). Da ieri pomeriggio è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Terapie intensive. L'antagonista, da tempo frequentatore abituale del Centro sociale di Cremona, lotta per la vita. Sarebbe stato colpito al capo con una spranga da militanti dell'estrema destra durante gli scontri scoppiati tra autonomi e neofascisti dopo la partita di calcio Cremonese-Mantova di Lega Pro, che si è disputata ieri pomeriggio allo stadio Zini di Cremona. 
La polizia di Stato spera di trarre utili indicazioni dal filmato ripreso da una telecamera posizionata nei pressi del luogo dov'è avvenuta l'aggressione. Intanto sono state identificate cinquanta persone e sequestrati due bastoni. Al momento non ci sono indagati, nè ipotesi di reato che potrebbero andare dalla rissa aggravata alle lesioni gravissime fino al tentato omicidio. 
Intanto, è stato dimesso con una prognosi di guarigione di venti giorni e con venti punti di sutura in fronte, Gianluca Galli, presidente di Casa Pound, candidato sindaco di Cremona alle elezioni del 2014, presenti agli scontri di ieri. «Siamo impegnati al massimo del nostro potenziale - si è limitato a riferire il questore Vincenzo Rossetto - nella ricostruzione dei fatti che vanno prima chiariti con precisione nella loro dinamica per poter poi appurare le responsabilità. Di certo, non c'è coinvolgimento degli ultras della Cremonese e quanto accaduto non è legato alla partita. In prospettiva, siamo vigili nella tutela della cittadinanza». 
Cremona oggi è stata presidiata dagli agenti nel timore di nuovi scontri, mentre la Scientifica eseguiva altri rilievi sul vialetto di accesso al Centro sociale dov'è avvenuto il pestaggio. Esponenti dell'una e dell'altra parte sono stati interrogati e nuove testimonianze sono state messe a verbale. La sede di Casa Pound, aperta nel 2013 in città, è ininterrottamente presidiata. 
«La mia solidarietà e quella di tutto il partito ai compagni del centro sociale Dordoni di Cremona aggrediti ieri dai fascisti» ha dichiarato Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista - Sinistra Europea. «Questo ennesimo episodio di violenza inaudita dimostra ancora una volta solo una cosa: bisogna chiudere Casa Pound. Il ministro degli Interni intervenga contro questi fascisti delinquenti». Intanto Sinistra Ecologia e Libertà ha presentato un'interrogazione, affinchè «verifichi i fatti», al ministro dell'Interno Angelino Alfano. Prodotta dall'onorevole cremonese Franco Bordo, insieme al coordinatore nazionale di Sel Nicola Fratoianni e all'onorevole Daniele Farina, chiede che «siano individuati i responsabili dell'aggressione di stampo fascista a danno dei militanti del centro sociale Dordoni». Oggi un centinaio di antagonisti ha sfilato in corteo nel centro di Torino per esprimere solidarietà al centro sociale Dordoni. Alcuni militanti hanno lanciato petardi contro la sede della prefettura. Una manifestazione è stata organizzata anche a Brescia dal centro sociale 'Magazzino 47' in piazza della Loggia (vedi la foto in alto).
Fonte: Ansa

PS: Indetta per sabato 24 una manifestazione nazionale antifascista. Ecco il testo dell'appello:
Emilio, un compagno di tante lotte e tante battaglie, è in ospedale in coma farmacologico con una emorragia cerebrale estesa a causa di un assalto squadrista al centro sociale Dordoni di Cremona.L’attacco premeditato e scientificamente organizzato dai fascisti di CasaPound cremonesi, in combutta con altri militanti di estrema destra provenienti da fuori città, ha trovato una risposta determinata da parte dei compagni presenti nel centro sociale, ma purtroppo Emilio è stato colpito alla testa da diverse sprangate.I fascisti si sono accaniti sopra ad Emilio fino a quando è stato portato in sicurezza all’interno del centro sociale; è stata, tuttavia, immediatamente chiara la gravità del suo stato di salute.Infame è stato il comportamento della polizia che ha semplicemente identificato gli assaltatori e successivamente, per permettere loro di andarsene indisturbati, ha violentemente caricato il presidio di antifascist* radunatesi sul posto.Per esprime totale vicinanza e solidarietà con Emilio è stata indetta:Lunedì 19 gennaio una giornata nazionale di mobilitazione diffusa nei territoriContro squadristi, polizia e istituzioni conniventi:Sabato 24 gennaio un corteo nazionale antifascista, determinato, autodifeso e militantecon la parola d’ordine: chiudere subito tutte le sedi fasciste!Pagherete caro! Pagherete tutto!#Emilioresisti

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.