Header Ads


Esporre la celtica non è reato: la conferma dalla Questura di Milano

La Questura di Milano conferma la nostra interpretazione: esporre la croce celtica non è reato. Noi l'abbiamo spiegato: perché non rientra nei simboli elencati in appendice alla convenzione dell'Onu contro il razzismo del 1975 a cui fa riferimento la Legge Mancino. Loro l'hanno messa in pratica. Attaccando a una parte una bandiera sequestrata il 29 aprile scorso, presumibilmente a uno dei forzanovisti fermati dopo la provocazione contro il memorial Amoroso alla sala Guicciardini. A meno che, a furia di vedere telefilm polizieschi americani, non abbiano preso anche loro l'abitudine di attaccare le prove del caso alla lavagna. Ma dalla foto pubblicata da vergognarsi.it e ripresa da La Repubblica.it, che ha sollevato il caso, non sembra che sia questo il caso.


La polizia espone una croce fascista. E il popolo di Internet protesta online
L’episodio, confermato dalle foto scattate da un passante, al commissariato Città Studi a Milano
La replica degli agenti: “L’avevamo sequestrata due giorni prima ed è rimasta appesa per poco”
di ANDREA MONTANARI e MASSIMO PISA
Giallo sulla croce celtica fascista comparsa in un ufficio al secondo piano del commissariato di polizia Città Studi in via Cadamosto, a Milano, zona Porta Venezia. Il simbolo fascista è stato fotografato da un passante il pomeriggio del Primo maggio. La bandiera con il simbolo della croce cerchiata in bianco su sfondo nero, appesa alla parete dell’Uigos (l’ufficio politico del commissariato) è ben visibile dalla finestra centrale del secondo piano. La stessa che monta sui pennoni appesi al davanzale sia la bandiera tricolore sia quella dell’Unione europea. Sarebbe stata sequestrata, insieme con altro materiale, la sera del 29 aprile durante l’annuale fiaccolata in memoria di Sergio Ramelli, Enrico Pedenovi e Carlo Borsani, a cui avevano partecipato 300 militanti dell’estrema destra.
fonte Repubblica.it

25 commenti:

  1. Attaccano al muro la roba che sequestrano ???

    RispondiElimina
  2. per questo gli amici in divisa vi salvano la vita da secoli ih ih ih
    micione

    RispondiElimina
  3. Quello che pare strano è che nessuno ha sottolineato il fatto che la croce celtica è una cosa ed i simboli fascisti sono un'altra. Paragonare le due cose è come unire la croce uncinata alla democrazia o la falce e martello alla monarchia. Entità distinte e separate che non hanno nulla in comune.
    La vulgata di parte sinistra e una buona dose di ignoranza casereccia abbina le due componenti unificandone forma e sostanza.
    Allora va ricordato a tutti che il fascismo ha, come simbolo di base identitatio, il fascio littorio e quello mazziniano. Le croci celtiche sono un'importazione del dopo guerra, con una storia tutta indipendente e per nulla assimilabile al fascismo.
    Che poi i due simboli siano la rappresentanza di due ideologie che trovano la stessa veduta di idee per alcuni punti programmatici politici è altra cosa.
    Ma è errato unificarne le simbologie.

    RispondiElimina
  4. sinceramente non vedo cosa ci sia da meravigliarsi, la connivenza tra sbirri ed estremisti di destra è un fatto assodato...

    RispondiElimina
  5. 300 militanti?...ahahahahah solo le fiaccole erano 1000. che buffoni

    RispondiElimina
  6. Adesso oltre che i rei attaccano al muro anche le prove del reato...

    RispondiElimina
  7. NON, la celtica è stata un simbolo diffuso nella base giovanile missina a partire dagli anni 70 in chiave antiapparato e antialmirantiana. Il suo rilancio agli inizidegli anni 90 nelle curve calcistiche "nere" ne ha rafforzato il ruolo nell'immaginario collettivo di simbolo fascista. Come l'ascia bipenne che ha origini etrusche ma oramai è considerato il simbolo ordinovista per eccellenza...

    RispondiElimina
  8. Infatti di asce bipenne non ce n'è mica in giro tante... Ci sono più denti di lupo.
    Reo appeso al muro + prove del reato appese al muro = quadro indiziario

    RispondiElimina
  9. la avevano appesa per fare le foto del sequestro..coioni


    uno che sa

    RispondiElimina
  10. le foro le hanno sempre fatte ammassando roba sui tavoli...

    RispondiElimina
  11. Uno che sa, mi spieghi perché, se come sostiene il vicequestore, era una bandiera sequestrata in piazza, quindi con un'asta (da piccone) la stoffa aderisce perfettamente al muro)?

    RispondiElimina
  12. .............Ma Lui lo sa dato che e' uno che sa!

    RispondiElimina
  13. ma che si vede una pippa.. da quella foto...

    uno che sa


    ( e vi dice che e' stata messa per le foto della prova...)


    suvvia credetemi

    RispondiElimina
  14. e be la novita dove sta sbirri e politici con la celtica che mandano in giro gli sfigati armati contro 30 vecchietti...dai che per il resto le prendete comunque...ih ih ih
    micio che canta

    RispondiElimina
  15. Domanda da scemo del paese: ma siamo sicuri che la foto è originale?
    Vista la fonte... Se qualcuno ne sa può verificare cose come l'inclinazione rispetto alla finestra, la luce dell'interno ecc...
    Mi sembra assurdo che hanno fatto sta minchiata proprio davanti alla finesetra di "rappresentanza"...
    Poi mentre tutte le altre stanze sono buie...

    RispondiElimina
  16. A uno che sa, allo scemo del paese, date la linea al commissario Cusano. Intanto leggettevi la seconda parte dell'articolo di La Repubblica:
    "A una prima richiesta informale di spiegazioni sull'accaduto da parte di alcuni abitanti della zona, dal commissariato avrebbero risposto che si è trattato solo di un atto goliardico e che la bandiera è stata subito rimossa. Precisazione che però non è bastata a placare le proteste che si sono subito levate via Internet. Le foto con la croce celtica, stanno facendo il giro del web suscitando l'indignazione dei milanesi (e non) per il fatto che il simbolo fascista sia stato appeso in un ufficio pubblico. E in particolare nel commissariato di zona della polizia. "Ma tengo a precisare - fa sapere il vicequestore aggiunto Maurizio Cusano, dirigente di Città Studi - che quella è una bandiera che avevamo sequestrato, insieme con una mazza con la scritta 'Forza nuova', ed è rimasta provvisoriamente su quella parete del nostro ufficio politico. Poi è stata riposta, come da prassi, insieme con tutti i reperti. Quei simboli, come altri, sono totalmente estranei alla nostra ideologia". La questura di Milano ha comunque disposto accertamenti sulla vicenda".
    Quindi, uno che sa, perché togliere il bastone, che spesso costituisce un'arma impropria?

    RispondiElimina
  17. Chiudiamo tutti i cimiteri irlandesi !
    Cellula Gatto Mao-Zedong
    Sez Dublino

    RispondiElimina
  18. e' una cosa inventata ad arte


    l'agolazione non e' naturale

    fotografo

    RispondiElimina
  19. Anonimo fotografo, vallo a spiegare al questore che è un imbecille ad ammettere "una cosa inventata ad arte"

    RispondiElimina
  20. FASCINAZIONE: appunto questo dicevamo. La celtica è un simbolo apparso ben dopo il Ventennio e che nulla ha a che fare con la simbologia originale. Solo in seguito ne è entrato a far parte per l'uso frequente e probabilmente per una più facile realizzazione della propaganda muraria. Ma il simbolo della celtica con l'ideologia fascita non hanno nulla in comune, se non quell'inserimento forzato compiuto dagli anni '70 in poi.

    RispondiElimina
  21. Ma NON è che per forza ci dobbiamo appiccicare ...

    RispondiElimina
  22. A napoli nella questura ci so 2 uffici della digos, in quello dove ci portano i militanti fascisti o di destra c'è il clendario del duce, il manganello, e stronzate varie e la digos fa finta di essere di destra, nell'altro ufficio c'è guevara stelle rosse e stronzate varie e l' altro reparto della digos che segue i centri sociali fa finta di pensarla come loro.
    ORAMAI STO GIOCHETTO LO SANNO PURE I BAMBINI
    solo quei deficienti di repubblica potevano montare il caso.

    RispondiElimina
  23. Ma per carità. Va bene che nel nostro ambiente le cose si dicono spesso ringhiando più per una forma di supremazia già nel ringhio stesso che prt i contenuti, ma non avevamo alcuna intenzione bellicosa nello scrivere quando sopra. Era solo una semplice, tranquilla e conviviale precisazione che trovava reciproci punti di vista.
    Cordialità.

    RispondiElimina
  24. A quello che dice che i manifestanti che hanno fatto il sit in fuori dai locali dove era in corso,provocatoriamente,la commemorazione del morto antifascista dico che se avessero avuto cattive intenzioni li avrebbero spianati.Secondo non c'erano solo i vecchietti la dentro,ma baldi giovani antifà che si sono bellamente cagati sotto...per uno striscione!!! Quindi non fare troppo il gallo alla tastiera e poi il cappone in piazza...la violenza politica è stata ed è la rovina delle forze di contrapposizione sociale,ma a voi non è mai fregato molto di fare politica..fate antifascismo...che poi non si capisce bene nè a cosa serva ,nè i contenuti politici..non ne avete di contenuti politici.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.